Skip to content

M5S, Registro Tumori “Ora è l’occasione di esigerlo”

19 ottobre 2017

È arrivato il momento di esigere l’attuazione dell’Ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale di Massa nel quale si dava mandato al Sindaco di chiedere l’Istituzione di un Registro Tumori alla ASL” ricorda al Sindaco Volpi la consigliera M5S Luana Mencarelli.

L’occasione è offerta dalle linee di indirizzo al PAL (Piano Attuativo Locale) attualmente in visione degli Enti che al capitolo Prevenzione dichiara l’intenzione di valorizzare il Dipartimento della Prevenzione e al punto 4 così riporta: “Migliorare la conoscenza verso i cittadini del rapporto inquinanti ambientali/salute attraverso il monitoraggio degli inquinanti ambientali cui è esposta la popolazione.” e al punto 5 “Sviluppare relazioni inter-istituzionali per la valutazione degli impatti sulla salute dei fattori inquinanti”.

Mai come adesso ci troviamo nella condizione di chiedere con forza un Registro Tumori iscritto all’AIRTUM e l’opportunità data dal PAL è grandissima visto che la Conferenza Aziendale dei Sindaci, non esprime più un parere come in passato, ma vota il documento finale prodotto dall’Azienda Sanitaria, quindi le proposte dei Sindaci nelle scelte locali sanitarie potrebbero essere vincolanti e il loro peso strategicamente determinante. Mi auguro che Volpi non si lasci sfuggire questa occasione di portare a obiettivo il mandato di tutto il Consiglio Comunale e dare alla città uno strumento indispensabile di prevenzione” conclude la consigliera.

Annunci

M5S, chirurgia NOA “La direttrice risponde, ma sembra non conoscere i numeri reali”

17 ottobre 2017

Maria Teresa De Lauretis

La direttrice De Lauretis nel rispondere all’articolo del M5S ha affermato che la chirurgia generale del NOA è dotata di 17 chirurghi, queste dichiarazioni mi preoccupano ancora di più” dice la consigliera Mencarelliperché questi dati – non hanno nessun riscontro con la realtà- per usare le sue stesse parole, infatti alla chirurgia generale del NOA sono assegnate 12 unità e mezza, rappresentata da un chirurgo -prestato- per il 40% del suo orario lavoro alla chirurgia. La senologa non può essere considerata in questo calcolo delle risorse in quanto scorporata tramite delibera dal 27 Settembre.

Alla luce di questi dati, cosa dovremmo pensare che la direttrice De Lauretis non abbia neppure contezza delle unità dell’ospedale apuano o che le sue affermazioni abbiano altri scopi?” chiede la consigliera e continua “ Quando sostiene di essere stata autorizzata all’assunzione di 27 medici per l’Asl Toscana Nord Ovest omette di specificare che quest’area risponde a ben 14 ospedali, per cui non risponde affatto alla nostra pretesa di attenzione alle esigenze del NOA, tra l’altro non specificando la specialistica di questi medici non sappiamo neppure se, quando saranno assunti, andranno a sopperire alle carenze indicate della nostra chirurgia generale, perché evidentemente non è l’unica insufficienza della sanità di zona”.

Articolo risposta De Lauretis

Newsletter M5S Massa nr.28

15 ottobre 2017

Ambiente, inquinamento, salute, sanità, un filo li collega in modo indissolubile e purtroppo in maniera non virtuosa nel nostro territorio.

L’inquinamento ambientale ha come conseguenza una diminuzione del tasso di salute, in molti casi in maniera grave, purtroppo sappiamo bene come la nostra cittadinanza sia colpita da tumori e patologie croniche derivanti dagli agenti chimici lasciati in eredità dalle industrie. Insieme ad un percorso di disinquinamento dovremmo avere una sanità pubblica d’avanguardia in grado di assisterci e curarci per quanto possibile, invece proprio nel momento di bisogno stiamo assistendo a progressivi tagli che negli anni stanno spostando le prestazioni verso il privato e nelle corsie sempre meno personale dotato pure di mezzi ridotti.

Di chi é la colpa? Inutile puntare il dito su qualcosa o qualcuno, ma dobbiamo senza dubbio rimuovere la politica che fino ad oggi ha governato perché i risultati sono sotto gli occhi di tutti e serve intraprendere una nuova strada, difficile, ma necessaria, in primis aprendo il dialogo con tutti gli operatori del settore trovando insieme una via di rinascita della nostra sanità pubblica e dell’intero territorio.

Firmate la petizione Bonifica Subito ai nostri gazebo durante il fine settimana

Buona lettura

ARTICOLI

Sanità, “Bloccate le assunzioni, NOA in affanno mancano chirurghi”

“Esprimiamo forte preoccupazione per la notizia che la Regione Toscana abbia bloccato le assunzioni in ambito sanitario e ospedaliero, anche se per ora fino alla fine dell’anno” interviene sul tema sanità la consigliera M5S Luana Mencarelli. “La mail inviata dall’assessorato ai Direttori Generali, che a causa dei conti in rosso dovranno attuare manovre di risparmio, è una brutta notizia per i cittadini che non vedranno migliorare la condizione delle liste di attesa per esami e prestazioni sanitarie e pessima per gli operatori costretti a lavorare a ranghi ridotti”…leggi tutto

Palestra Scientifico “Meglio nell’ex caserma dei Vigili del Fuoco”

“Uno dei problemi più grandi della nostra città (e forse dell’intero paese) è che gli enti pubblici non dialoghino tra loro. A Massa questo fatto è ancora più inconcepibile data la continuità politica, ormai trentennale, di un centrosinistra che governa Comune, Provincia e Regione” sostiene Riccardo Ricciardi consigliere del M5S. L’esempio della pianificazione urbanistica nell’ex caserma dei vigili del fuoco in via Marina Vecchia è emblematicoleggi tutto

Lavello, Mencarelli risponde al Consorzio “Lo avete detto voi che non asciugavate il canale”

“Anche se credo che la risposta del Consorzio di Bonifica sia solo una sterile polemica, non capisco a quali informazioni tecniche infondate possano riferirsi, se non a quelle che hanno spacciato loro in sede di incontro pubblico” dice la consigliera del M5S di Massa, Luana Mencarellileggi tutto


Iscriviti alla Newsletter scrivendo “iscrizione NL” a info@massa5stelle.it

Aiuta il M5S Massa:

– diffondendo questa Newsletter ai tuoi amici e contatti.

– mettendo “mi piace” alla nostra pagina FB Movimento 5 Stelle Massa

– diventando nostro follower su Twitter @massa5stelle

 

Firma day per liberare Massa dai veleni

13 ottobre 2017

Il M5S di Massa invita la cittadinanza a firmare la petizione “Bonifica subito” con l’obiettivo di porre al centro dell’attenzione il tema e la necessità degli interventi di bonifica sul territorio. Il movimento, rivolgendosi a tutti i livelli istituzionali, chiede che venga attuato un piano di stanziamento di fondi per mettere in sicurezza il territorio, che venga realizzato un “Registro Tumori” e che la città di Massa riceva un indennizzo per i danni subiti a causa dell’inquinamento.

I cittadini potranno firmare la petizione sabato dalle 10 alle 12:30 davanti agli Uffici Postali in via Democrazia, domenica dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00 al Pontile Marina di Massa, Martedi dalle 10,00 alle 12,30 all’ex piazza delle corriere.

Lavello, Mencarelli risponde al Consorzio “Lo avete detto voi che non asciugavate il canale”

13 ottobre 2017

Lavello

Anche se credo che la risposta del Consorzio di Bonifica sia solo una sterile polemica, non capisco a quali informazioni tecniche infondate possano riferirsi, se non a quelle che hanno spacciato loro in sede di incontro pubblico” dice la consigliera del M5S di Massa, Luana Mencarelli.

“Di fronte al consesso e ai cittadini attoniti, alla mia specifica domanda se l’intervento sarebbe stato fatto a secco, ossia in assenza di circolo d’acqua del canale, la loro risposta è stata negativa, anche quando gli avevo fatto notare che parte dei materiali in movimentazione sarebbe finito in mare e trattandosi del Lavello non sarebbe stato auspicabile”.

“Nell’articolo pubblicato vedo che hanno cambiato idea, e quindi progetto, pensando di asciugare il canale con l’ausilio di pompe. Capisco così l’intenzione, ripetuta più volte, di tranquillizzare i cittadini e l’amministrazione e mi compiaccio che le nostre osservazioni siano state essenziali in questa presa di consapevolezza.”

Articolo Tirreno

M5S, palestra Scientifico “Meglio nell’ex-caserma dei Vigili del Fuoco”

12 ottobre 2017

ex-caserma VVFF

Uno dei problemi più grandi della nostra città (e forse dell’intero paese) è che gli enti pubblici non dialoghino tra loro. A Massa questo fatto è ancora più inconcepibile data la continuità politica, ormai trentennale, di un centrosinistra che governa Comune, Provincia e Regione” sostiene Riccardo Ricciardi consigliere del M5S. L’esempio della pianificazione urbanistica nell’ex caserma dei vigili del fuoco in via Marina Vecchia è emblematico. Il Comune ha previsto un A.Rec (Ambito di recupero) nell’intera area con previsione residenziale, commerciale e parcheggi, adottato all’interno del regolamento urbanistico. Prevedere nuove case e negozi in quell’area desolata piena di fondi sfitti già di per sé è surreale e comunque la Provincia si era dichiara contraria a una simile pianificazione urbanistica, ma la sua osservazione è stata respinta.

Dopo due anni e lontani dai tempi delle osservazioni al RU, questa settimana in commissione urbanistica è arrivata la richiesta della Provincia di una variante al Piano Regolatore vigente per poter ricollocare il “pallone” ad uso palestra per il liceo scientifico Fermi in via Galilei, che assurdamente ha riportato in sede anche quello con indirizzo sportivo pur essendo un istituto sprovvisto di palestra.

“Perché serve una variante visto che il “pallone” lì già esisteva?” è stata la domanda di Ricciardi e la risposta è che quell’area, in realtà, era destinata a parcheggio. “Quindi se ne deve dedurre che un ente pubblico abbia, per anni, usufruito di un’area destinata a parcheggio per un’altra finalità? Se lo fa un cittadino viene però giustamente sanzionato” e continua Ricciardi “Il sindaco e presidente di Provincia, invece di parlare tramite Arec, osservazioni, controdeduzioni, non potrebbero incontrarsi e capire quali sono le vere esigenze della città?” Questi signori dovrebbero ricordarsi che, aldilà delle singole competenze, un bene pubblico è prima di tutto dei cittadini. Quindi se la provincia ha un bene, come l’ex caserma dei vigili del fuoco e la necessità di dare una palestra al liceo Fermi perché non ha pianificato insieme al Comune un recupero di quell’edificio dandogli destinazione scolastico-sportiva? Sappiamo che ora in quell’area ci sono degli uffici della Regione ma perché non fare, una volta per tutte, un tavolo veramente operativo dove le tre istituzioni del territorio collaborino e pianifichino insieme la ripartizione dei luoghi con relative destinazioni? Spenderemo, come Provincia, circa 200 mila euro per un “pallone” nemmeno omologato per fare partite di basket.

M5S, sanità “Bloccate le assunzioni, NOA in affanno mancano chirurghi”

10 ottobre 2017

Esprimiamo forte preoccupazione per la notizia che la Regione Toscana abbia bloccato le assunzioni in ambito sanitario e ospedaliero, anche se per ora fino alla fine dell’anno” interviene sul tema sanità la consigliera M5S Luana Mencarelli. “La mail inviata dall’assessorato ai Direttori Generali, che a causa dei conti in rosso dovranno attuare manovre di risparmio, è una brutta notizia per i cittadini che non vedranno migliorare la condizione delle liste di attesa per esami e prestazioni sanitarie e pessima per gli operatori costretti a lavorare a ranghi ridotti”.

Inverosimile la nota della direttrice del dipartimento della salute con la quale comunica alle aziende che saranno i singoli direttori generali ad assumersi eventualmente la responsabilità di trasgredire alla regola in casi limitati e eccezionali “quando il personale in più è fondamentale per far funzionare i servizi”, ma diteci con una sanità a pezzi come la nostra quando e dove i servizi non avrebbero bisogno di sussidi per essere correttamente operativi. La Toscana si dice sia la regione che ha avuto la maggior spesa farmaceutica ospedaliera e da qui l’esigenza di altri tagli, ma questo dato non può essere considerato un mero numero perché è invece la risposta preoccupante di un territorio dove evidentemente le persone si ammalano di più, ma anziché imporci altri disagi e problemi ci spieghino se tutto questa spesa è originata da una pessima esposizione territoriale oppure dalla riforma sanitaria a firma Rossi che ha deciso di recuperare le risorse, spese per la gestione dei nuovi ospedali, caricando sulle spalle dei pazienti l’onere insostenibile di tutta la prevenzione e parte della cura: i cittadini che non ce la fanno a curarsi finiscono negli ospedali.

“Noi chiediamo al Sindaco Volpi di esigere prontamente una deroga per il NOA, dove ad esempio la chirurgia generale è in forte affanno da diversi mesi visto che ha perso tre chirurghi che non sono mai stati rimpiazzati, e che la Regione Toscana si faccia carico di ripianare i bilanci dell’ASL per garantire le assunzioni e di conseguenza il miglioramento dell’assistenza che i cittadini della nostra zona hanno diritto di avere” e chiude la Mencarelli “Chiediamo inoltre le dimissioni dell’intero management apicale dell’azienda sanitaria e del Presidente Rossi per manifesta incapacità”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: