Skip to content

Grazie ai 22.512 massesi che hanno salvato la Costituzione

5 dicembre 2016

schermata-2016-12-05-alle-02-36-01Il Movimento 5 Stelle di Massa ringrazia i 22.512 elettori massesi che hanno votato No al referendum Costituzionale. Grazie anche a tutti i cittadini che hanno partecipato al voto dando vita ad una grande giornata di democrazia.

La percentuale del NO nel comune di Massa è stata del 59,48% contro il 40,52% del SI, il miglior risultato tra i Comuni capoluogo di Provincia della Toscana.

Siamo veramente felici di aver salvato la nostra Costituzione e consci che ora bisogna lavorare ai problemi reali del Paese e della nostra città.

Pronti a controllare i seggi

1 dicembre 2016
corso-rappresentanti-di-lista

corso rappresentanti lista

Pronti gli 80 rappresentanti di lista del M5S che andranno a presidiare tutte le sezioni del Comune di Massa durante il referendum costituzionale di domenica prossima.

Due i corsi formativi tenuti presso la sede del MoVimento 5 Stelle di Massa nei giorni scorsi che hanno preparato i volontari al controllo delle operazioni di voto e scrutinio di questa importantissima consultazione.

Vogliamo garantire al massimo il corretto svolgimento delle votazioni” dichiara Riccardo Ricciardi capogruppo al Comune “e sopratutto controllare il conteggio, non desideriamo perdere un solo voto. I nostri rappresentanti sono preparatissimi ad affrontare tutte le situazioni ambigue”.

Il Movimento si augura un corretto e tranquillo svolgimento della giornata elettorale ed invita i cittadini a partecipare informandosi adeguatamente sui contenuti del quesito referendario, la nostra indicazione di voto è NO e siamo disponibili a qualsiasi chiarimento di merito.

Semplici strategie per ridurre il degrado

30 novembre 2016

schermata-2016-11-29-alle-22-51-40La consigliera Luana Mencarelli del M5S ha protocollato un ordine del giorno che propone semplici strategie per ridurre il degrado cittadino, in sintesi ampliare l’orario della Ricicleria e far conoscere meglio il servizio di raccolta degli ingombranti.
L’iniziativa parte dalla constatazione che la trascuratezza e il degrado della città sono dovuti anche al fenomeno dell’abbandono di rifiuti voluminosi sia nelle vicinanze dei cassonetti che lungo le strade, pur essendo una violazione della legge.

Analizzando i servizi di raccolta e recupero degli ingombranti da parte di ASMIU si è potuto verificare che per tali rifiuti è previsto un servizio di raccolta domiciliare su appuntamento a zero spese per l’utente, oppure possono essere conferiti gratuitamente alla Ricicleria.
“La considerazione che abbiamo fatto” afferma la Mencarelli “è che probabilmente molti cittadini non sono a conoscenza di queste opportunità oppure hanno orari lavorativi che gli impediscono di usufruirne. Altrimenti perché una persona dovrebbe faticare per caricarsi una lavatrice in auto per poi scaricarla lungo la strada, quando potrebbe tranquillamente farla ritirare gratis sotto casa?”.

Inoltre molti probabilmente non conoscono neppure l’iniziativa “Più pesi meno paghi” con cui l’utente domestico che conferisce autonomamente gli ingombranti in Ricicleria può ottenere uno sconto in tariffa fino ad un massimo di 25 € all’anno.
Per questo motivo con l’atto che il Consiglio Comunale andrà a discutere, abbiamo proposto di ampliare l’orario in cui la Ricicleria rimane aperta e quello in cui è attivo il prelievo domiciliare, al fine di permettere l’accesso a questi servizi anche al di fuori dei tipici orari lavorativi e promuovere una campagna informativa tramite i canali social e con l’affissione di cartelli ai cassonetti sui servizi gratuiti e gli incentivi.

Apericena IoDicoNO con….

26 novembre 2016

schermata-2016-11-26-alle-13-23-49Lunedì 28 Novembre alle 18:30 presso il bar Hermes in piazza Mercurio saranno presenti i parlamentari del M5S Paola Taverna, Gianluca Castaldi e Laura Bottici che insieme al famoso blogger Piero Ricca spiegheranno le ragioni del NO al referendum costituzionale.

Durante l’apericena i relatori saranno poi a disposizione dei cittadini per dubbi e domande riguardanti la riforma. Invitiamo la cittadinanza a partecipare e sostenere l’iniziativa vista la prossimità alla scadenza referendaria.

Apericena prezzo € 5,00 , gradita la prenotazione

Il regolamento sugli Agri Marmiferi deve essere discusso con i cittadini

18 novembre 2016

apli-apuane-e1301908978394“Avevamo chiesto più volte dove fosse il Regolamento sugli Agri Marmiferi” dice la consigliera del M5S Luana Mencarelli. Il Comune di Massa infatti doveva redigerlo in ottemperanza alla Legge regionale, entro il 31 Ottobre 2016, prorogato al 30 Novembre dello stesso anno, “poi casualmente l’assessore Berti, rispondendo ad una nostra interpellanza in materia, dice che l’Università di Siena ne ha consegnato una bozza proprio questa settimana ed ora dovrà essere messo a conoscenza delle commissioni e approvato”.

Non è tanto il rispetto della data di emanazione che ci preoccupa quanto i tempi strettissimi e quindi il fatto che a questo lavoro non sarà offerta una reale possibilità di partecipare a coloro che dovrebbero essere riconosciuti come i più importanti interlocutori, ovvero i cittadini. I monti che vengono fatti a pezzi e venduti, con l’autorizzazione delle amministrazioni, sono infatti un patrimonio collettivo inalienabile, ma nessuno si è mai preoccupato di chiederci se siamo d’accordo a vederle velocemente sparire sotto i colpi voraci dell’ultima tecnologia. E’ riconosciuto dagli organi competenti come l’attività estrattiva abbia una diretta connessione con il dissesto idrogeologico e l’inquinamento delle nostre falde acquifere, con le conseguenze che conosciamo e i costi che sosteniamo.

Per questo “avevamo chiesto da tempo all’amministrazione e a tutela di tutti, di condividere la stesura di questo documento almeno con gli ambientalisti, cittadini con la competenza e passione per la tutela del nostro territorio” continua la Mencarelli. La condivisione e l’ascolto non sono stati realizzati e il silenzio sul regolamento preoccupa molto il M5S, perché di contro gli imprenditori hanno fatto invece sentire la loro voce, capace di modificare anche il Piano di indirizzo regionale, e attraverso promesse di posti di lavoro hanno avanzato richieste con ottime probabilità di essere accettate.

“Ricordiamo ai cittadini che anche ai tempi della Farmoplant la politica con i ricatti occupazionali zittiva, di fronte alla città, la protesta degli ambientalisti, a cui purtroppo la storia ha però dato poi ragione, per cui vi chiediamo di alzare gli occhi sui nostri monti e chiedervi se ritenete accettabile che la nostra opinione non venga richiesta mentre le montagne cambiano la loro forma e profilo, privandole, anche nei loro ventri, di blocchi che mai si rinnoveranno”.

#IODICONO a Massa

18 novembre 2016

schermata-2016-11-18-alle-08-00-29Si svolgerà Domenica 20 Novembre alle ore 17:00 presso le Stanze del Teatro Guglielmi un incontro con i cittadini sui temi del referendum. Saranno presenti eletti ed attivisti del M5S che cercheranno di rispondere alle domande e ai dubbi dei cittadini.

Ad esempio, è vero che con la riforma si risparmia? É vero che avremo leggi migliori e più veloci? É vero che saremo più rappresentati? A questo e molto altro risponderanno Sara Paglini, Giacomo Giannarelli, Enrico Cantone, Luana Mencarelli, Mario Pegollo e Massimiliano Paolicchi.

Sarà data la possibilità di fare domande a tutti i partecipanti, ingresso aperto a tutti.

L’amministrazione dimentica gli animali?

15 novembre 2016

cane-e-gatto“Dov’è finito il Regolamento per la Tutela animali del Comune di Massa?” Questa la domanda che pone all’amministrazione la consigliera del M5S Luana Mencarelli. È ormai molto tempo che la sua stesura è stata completata e il documento finale ormai da diversi mesi, risultava pronto per essere portato in discussione in Consiglio comunale e vedere finalmente la sua approvazione e l’applicazione dei suoi dettami.

Molti e importanti principi sono riconosciuti in quel documento per una convivenza reciprocamente rispettosa tra animale, uomo e territorio, recependo le leggi vigenti in materia. Norme riguardo la conduzione e la cura degli animali e obblighi per i loro proprietari di adempiere a regole di minima per garantirgli una vita sana sotto ogni punto di vista, in qualità di esseri viventi e senzienti.

Nonostante il lungo lavoro, di questo Regolamento però si sono perse le tracce. Ci chiediamo se l’amministrazione non abbia timore che venga approvato, perché le regole di comportamento previste per tutti gli altri proprietari sarebbe costretta a rispettarle anch’essa e soprattutto a confrontare le prescrizioni contenute, ad esempio le misure delle gabbie, con quelle del canile sanitario cittadino.

Oppure teme che i cittadini si ricordino che il Sindaco in campagna elettorale aveva promesso la costruzione di un canile rifugio, tra l’altro previsto per legge e con l’ausilio di contributi regionali?

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: