Skip to content

Mancano pochi giorni all’inizio di 5 Stelle in Festa

14 luglio 2015

5 Stelle in Festa1Cinque stelle in festa è una manifestazione organizzata dai gruppi di Massa e Montignoso che si terrà il 17, 18 e 19 luglio presso il parco della Comasca (Ronchi).
Saranno tre giorni caratterizzati dall’incontro e dallo scambio informativo ma anche da musica e da buon cibo.
Il programma delle giornate, prevede molteplici attività: eventi culturali, incontri e dibattiti animazione bimbi, gazebo di discussione con consiglieri e parlamentari a 5 Stelle, e tanta buona musica.
Saranno presenti gazebo informativi dei portavoce al Parlamento, Consiglieri regionali e Comunali; su temi specifici come la discarica di ex cava fornace e il tavolo permanente dell’acqua H2Oro che riunisce tutti i comuni sotto la scandalosa gestione di Gaia.
Un’occasione per discutere ed approfondire argomenti di interesse comune: Ambiente, Gestione virtuosa dei Rifiuti, Scuola, Salute, Lavoro, Territorio, TTIP, la situazione Ucraina.
Alla sagra sarà possibile assaporare piatti tipici della cucina locale, cibo biologico a chilometro zero anche per vegani e celiaci.
All’interno della festa, c’è il parco avventura (a pagamento ma scontato del 20% per i visitatori della festa) mentre per i più piccoli verrà dedicato uno spazio pittorico gratuito tutto in una cornice di musica.
Questa festa sarà una giornata, una serata, un momento piacevole da condividere.

Pagina calendario eventi

A 5 Stelle in Festa……l’acqua è gratis

12 luglio 2015

5 Stelle in Festa 17-18-19 Luglio presso il Parco della Comasca a Ronchi-Marina di Massa

Cibo-bio, incontri, arte, musica, animazione bambini

L’acqua è gratis!!!

Neanche a Roma una ZTL così…

11 luglio 2015

imagesNeanche a Roma hanno questa complessità di fasce e regole; la ztl di Massa, fatta con i piedi, sembra un cruciverba. In una città normale i cittadini dovrebbero essere messi nelle condizioni di capire facilmente e non vedersi costretti a districarsi tra fasce di parcheggio, permessi, eccetera eccetera. Se il vicesindaco Berti non vuole che si parli di “pasticci” nell’organizzazione della ZTL allora dovrebbe rendersi inattaccabile facendo una ZTL a regola d’arte, ma nella realtà ogni giorno esce una magagna nuova: per esempio sarebbe il caso che Sindaco e Vicesindaco si mettessero d’accordo su come stanno le cose. Non più tardi di tre settimane fa, durante l’ultima riunione fatta con la cittadinanza hanno affermato pubblicamente che per tutti i motocicli c’è libero transito e libero parcheggio nella ZTL .
Oggi invece sappiamo che questo vale solo per i residenti. L’altro giorno un vigile ha detto: “certo se la spiegassero anche a noi questa ztl andrebbe meglio.”

Riportiamo solamente uno dei casi segnalati da cittadini: ad una famiglia massese che è residente in fascia 2 è stato rilasciato un abbonamento in fascia 2 che viene utilizzato da un membro della famiglia che lavora in ospedale con turni anche notturni. La madre, con problemi di salute che ne pregiudicano la possibilità di camminare senza difficoltà, può accedere solo ad un abbonamento in fascia 3, il che comporta dover fare un lungo tragitto a piedi per recarsi dall’auto a casa e viceversa, cosa impossibile per lei.

Possibile che chi ha problemi di salute, pur non essendo invalido o disabile, non debba veder riconosciuto il diritto di usare l’auto senza dover rischiare di peggiorare il suo stato clinico?
Chi è convalescente, chi ha problemi alle gambe o cardiaci o respiratori e ha già un membro della famiglia che usa l’auto per andare al lavoro, cosa deve fare? Scarpinare fino a casa perchè non gli viene concesso un secondo abbonamento nella sua fascia di residenza? E magari sotto casa ha una fila di parcheggi vuoti non utilizzati da nessuno.
Per non parlare della confusione sui parcheggi a disco orario all’ex cat e in via Prado. In conclusione, invece di dare un ordine ai piani di sosta è stato creato un caos ai danni dei cittadini.

Il M5S è a disposizione dei cittadini per segnalazioni e si farà carico di riportarle nelle sedi opportune info@massa5stelle.it

 

ZTL e motocicli: siamo su Scherzi a parte?

8 luglio 2015
Schermata 2015-05-13 alle 20.10.11

Cristina Piccinini

Chi abita in centro a Massa, possiede uno scooter o una moto e vuole accedere alla ZTL di Massa ha un bel problema.
Alla Master informano con sicurezza che i motocicli dei residenti possono entrare nel centro storico della città senza alcun permesso perchè i varchi delle telecamere non segnalano i mezzi a due ruote (quindi anche dei non residenti?) che possono inoltre accedere ai parcheggi per moto presenti in centro (per ora sono veramente pochissimi) o chiaramente parcheggiare in garage o corti private.
La segnaletica presente agli ingressi della ZTL riporta però che l’accesso è vietato alle auto e ai motocicli, di conseguenza gli agenti della Polizia Municipale, nel rispetto della segnaletica, devono sanzionare i mezzi, anche a due ruote che entrano nella zona a traffico limitato.
Interpellati per aver maggiori informazioni gli stessi vigili urbani hanno rimarcato la validità della segnaletica esposta come riferimento primario per valutare chi può o non può entrare, salvo che gli scooter abbiano una autorizzazione rilasciata da Master.
Alla Master però non rilasciano alcuna autorizzazione scritta da poter mostrare ad un eventuale controllo, e nemmeno per le auto, i pass di accesso per le automobili autorizzate sono in effetti solo la registrazione del numero di targa nella memoria del sistema informatico legato ai varchi elettronici con telecamere, nulla di più.

I vigili però confermano che è loro dovere e competenza far rispettare la segnaletica presente, e se il Sindaco avesse emesso una ordinanza che permette ai motocicli di entrare nella ZTL, questo significherebbe per il proprietario dello scooter o della moto sanzionata dai vigili per il mancato rispetto del divieto di accesso riportato nei cartelli esposti ai varchi, di contestare la multa presso le sedi competenti.
L’ufficio comunale della U.O. Mobilità consultato per avere degli ulteriori chiarimenti conferma l’ordinanza del Sindaco che permette l’accesso ai motocicli e parla di abuso da parte della Polizia Municipale. Ma se la Polizia Municipale deve ignorare i divieti esposti cosa sono stati esposti a fare?
In mezzo a questa mancanza di certezze, di chiarezza e di organizzazione c’è, come al solito, il cittadino, che paga, fosse anche solo per il tempo impiegato in giro per uffici per avere risposte, la disorganizzazione e la mancanza di comunicazioni tra Istituzioni.

Avete uno scooter e volete tornare a casa in centro? Potete farlo, perchè c’è una ordinanza comunale che lo permette, e questa concessione ha valore su tutto, ma se vi fermano sarete multati perchè ci sono i cartelli dove è chiaro il divieto e voi non avete una autorizzazione scritta.
E non siamo su Scherzi a parte.

Cristina Piccinini attivista M5S

La seconda tappa di “Itinera” ha toccato piazza Stazione

7 luglio 2015

11705274_10206097513575741_2727923510916877069_nIeri sera, 6 luglio, nei giardini antistanti la Stazione il M5S di Massa ha incontrato i cittadini, e le tematiche trattate hanno messo in risalto il degrado in cui il quartiere si trova.
Di concerto con alcuni rappresentanti sindacali delle forze dell’ordine, che hanno fatto il punto sulla situazione della sicurezza in zona, sono state segnalate diverse criticità: una scarsa attenzione e controllo del quartiere, l’aumento delle attività illecite e della microcriminalità, come ad esempio i furti negli appartamenti o nei negozi, l’insufficiente pulizia, la scarsa illuminazione, gruppi di extracomunitari che bivaccano nei giardinetti, facendo lì anche i loro bisogni fisiologici, in assenza di bagni pubblici e con i bagni all’interno della stazione ferroviaria chiusi dopo una certa ora, hanno rilevato inoltre che le attività economiche esercitate da cittadini extracomunitari o neocomunitari, di recente apertura, stanno comportando un intenso movimento di clienti che sostano o parcheggiano in modo irregolare, privando di conseguenza i residenti della possibilità di accesso e di parcheggio, è presente poi un centro massaggi aperto fino a tarda notte con un andirivieni di clienti a tutte le ore.

Per risolvere il degrado vanno attuate politiche di controllo del quartiere, sia con le forze dell’ordine, per verificare la legalità di certe situazioni e trasmettere agli abitanti quel senso di sicurezza necessario per potersi godere pienamente del proprio quartiere, ma anche con la valutazione, da parte degli uffici competenti, della liceità di certe attività, considerando il rischio che un approccio distratto, superficiale e lassista comporterebbe, facendo sentire ai cittadini l’assenza delle istituzione nel quartiere ed inasprendo i rapporti tra i cittadini massesi e i cittadini extracomunitari. E se vogliamo che i giardini della nostra Stazione non siano usati per altro rispetto ad una passeggiata nel verde, basterebbe aprire i bagni pubblici e farli mantenere puliti come è giusto che sia e controllare le necessità di chi, in una situazione di evidente grave difficoltà, dorme su cartoni dietro le siepi o davanti e dentro alla Stazione.
Lo chiedono i cittadini, ma anche il buon senso.

Dobbiamo inoltre rimarcare la cronica mancanza di risorse messe a disposizione delle forze dell’ordine che si trovano a fronteggiare le problematiche segnalate con gravi carenze di organico e di mezzi, come recentemente segnalato dalla consigliera Luana Mencarelli in Consiglio Comunale. Un’ultima annotazione, ieri sera la presenza della nostra assemblea, protratta fino ben oltre la mezzanotte è stata un deterrente per tutte quelle attività illecite che ci hanno riferito essere una presenza fissa notturna. Un quartiere abbandonato è preda di chi trova nell’abbandono un valido complice, un quartiere vivo, con iniziative, incontri, eventi, o anche piccole semplici cose, come un’assemblea pubblica, è un quartiere che ritrova la sua libertà e riprende a vivere.

 

Itinera 2015 in Piazza Stazione

4 luglio 2015


Il M5S di Massa informa i cittadini che lunedi 6 Luglio in Piazza Stazione si svolgerà la seconda tappa di “Itinera – Parliamone Insieme”, l’assemblea itinerante del MoVimento nei diversi quartieri della città, sono serate di incontro, aperte a tutti, e occasioni per confrontarsi, condividere, proporre, ascoltare, denunciare, segnalare.

L’incontro di lunedi prossimo, in piazza Stazione sarà dedicato alla sicurezza, cercheremo di capire insieme ai cittadini e a dei tecnici quanto è sicura la Stazione e l’intera città, ma parleremo anche della mancanza di decoro urbano, del possibile futuro del quartiere e delle problematiche più urgenti.
Durante l’incontro si raccoglieranno le istanze della cittadinanza e si prepareranno immediatamente i documenti necessari, segnalazioni, interpellanze, interrogazioni, per presentare la voce dei cittadini in Consiglio Comunale e nelle altre istituzioni.

Prossima tappa, Lunedi 27 Luglio sempre alle 21, saremo invece al parcheggio dell’Ospedale per discutere della variante urbanistica che vuole abbattere l’edificio e avviare una speculazione edilizia con la costruzione di villette private.
Aspettiamo i cittadini in piazza, sarà anche un’occasione per prendere un caffè insieme, e il caffè lo portiamo noi.

Una campagna informativa sulla Fibromialgia

1 luglio 2015
fibromialgia

Grazie ad un Ordine del Giorno presentato dal consigliere Riccardo Ricciardi, verrà attivata una campagna informativa sulla fibromialgia in modo da aumentare la conoscenza su una patologia purtroppo diffusa e poco conosciuta.

Il Movimento 5 Stelle ha raccolto le istanze dell’associazione dei pazienti affetti da questa malattia e le ha trasformate in atto consiliare, diventando strumento dei cittadini in linea con la propria concezione di fare politica.
La fibromialgia è una malattia reumatica che interessa muscoli, tendini, legamenti, una malattia a genesi multifattoriale provocata da un’alterazione dei neurotrasmettitori a livello di sistema nervoso centrale; percentualmente colpisce il 2-4% della popolazione sana, il 10% dei ricoverati in medicina interna, il 25% dei pazienti.
Tale patologia è una disfunzione invadente che condiziona fortemente la vita di una persona generando una stanchezza continua, disturbi dell’attenzione, alterazioni dell’equilibrio, emicrania e molto altro ancora.
In quanto non esiste un esame specifico che riconosca tale disfunzione spesso essa viene confusa con un semplice stress e/o stanchezza. Ne consegue purtroppo che molte persone sono malate senza sapere di esserlo. La mancata diagnosi e il non capire cosa provochi questo stato di malessere, genera nei malati un’ulteriore forma di depressione che contribuisce a peggiorarne lo stato psicofisico.

Attivando percorsi informativi sarà possibile aiutare le persone malate ad individuare tale malattia altresì venire a conoscenza dei percorsi terapeutici in grado di alleviarne le conseguenze. Tramite la campagna informativa inoltre verranno divulgate informazioni sulle attività che rivestono un ruolo decisivo per il benessere dei malati, come ad esempio l’importanza di una corretta alimentazione, della fisioterapia, delle tecniche di rilassamento e della psicoterapia.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 8.723 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: