Skip to content

Acqua, minimo vitale nello Statuto Comunale

22 ottobre 2016

etichetta_approvataIn un Consiglio Comunale disordinato e confuso, dove molti consiglieri parlavano più di sé stessi che dello Statuto, il Movimento 5 Stelle ha ottenuto una grande vittoria politica: il principio del quantitativo minimo vitale garantito di acqua è entrato nello Statuto Comunale.

Il Comune di Massa ha deciso che qualsiasi Amministrazione che si succederà dovrà tener conto di questo, oltreché della volontà di mantenere pubblico qualsiasi servizio. Sappiamo che questi partiti possono stravolgere ogni cosa e chissà che in futuro non avvenga; ma, da oggi in poi, dovranno basarsi su quella che, di fatto, è la piccola Costituzione del Comune di Massa.

In Consiglio comunale è stata una nostra vittoria; in realtà il grande lavoro lo hanno fatto tutti quei cittadini che, in questi anni, hanno protestato, manifestato e hanno tenuto viva l’attenzione sul problema acqua. È però solo un piccolo, primissimo passo verso una gestione più equa e giusta di questo bene comune preziosissimo. Aspettiamo ancora che venga calendarizzato il Consiglio comunale su Gaia, aperto ai cittadini, che abbiamo richiesto da ormai quattro mesi.

4 commenti leave one →
  1. Nicola Cavazzuti permalink
    22 ottobre 2016 08:49

    Bene, prendo atto della verità parziale che ancora una volta il movimento diffonde. Si omette, coscientemente, che l’emendamento che ha modificato l’articolo dello statuto è il frutto di una intesa con Rifondazione Comunista e articolo primo. Sia il M5s che Rifondazione Comunista avevano depositato già lunedì scorso gli emendamenti per l’introduzione del minimo vitale e articolo primo ha sottoposto, durante la seduta, altro emendamento simile. Il risultato finale è stato un articolo dello statuto Comunale che, fondendo i tre emendamenti, inserisce il principio della gestione pubblica dell’acqua e dell’accesso del minimo vitale per tutti i cittadini. Crediamo sia dovuta questa precisazione al di fuori di ogni tipologia di propaganda, al fine di evitare che una mezza verità si trasformi in un mezza bugia.

    Mi piace

    • Papalini Giampaolo permalink
      22 ottobre 2016 13:10

      Caro Cavazzuti, le vittorie politiche si costruiscono nel tempo con il lavoro e la coerenza, non certo con i tecnicismi di consiglio. Il M5S di Massa non ha mai mollato sull’acqua e ne sono testimonianza i numerosi atti presentati negli anni, a differenza di chi, come RC o Articolo Primo hanno scelto di governare insieme a chi sta privatizzando la nostra acqua, pensando poi di costruire una posizione politica con due emendamenti presentati all’ultimo tuffo. Per fortuna in questa città ci sono dei cittadini che hanno intrapreso un percorso di contestazione ed è senza dubbio loro gran parte del merito se qualcosa sta cambiando.

      Mi piace

      • 24 ottobre 2016 08:21

        esattamente Giampaolo;la coerenza e’ la cosa piu’ importante,quella ch è da sempre mancata a RC,Articolo Primo,Udc,Arancioni,Sinistra ecologia e libertà.

        Mi piace

  2. DOMENICO FARUSI permalink
    22 ottobre 2016 10:03

    strano…lei signor Cavazzuti e’ talmente bravo che quel giorno quando in consiglio avete votato per uscire da gaia non ha votato ;adesso di vanta di questa cosa,ci vuole una bella faccia tosta

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: