Skip to content

Lo strano risveglio di Rossi sulle cave

4 ottobre 2016

apli-apuane-e1301908978394Nell’era degli annunci di grandi interventi anche il presidente della regione Rossi non resta indietro e promette un forte interessamento per la salvaguardia dell’ambiente apuo-versiliese minato fino ad oggi dall’attività estrattiva.

Ci inquieta la sua affermazione secondo cui “buttare la marmettola nei fiumi” o che si lasci colare “dai piazzali, quando piove, giù dai ravaneti” fino ai corsi d’acqua “sono REATI e non possono essere tollerati”, perché nonostante questa stupefacente presa di coscienza non ha fatto alcun accenno alla sanzione di chi evidentemente ha già operato nell’illegalità, imbiancando sistematicamente i nostri fiumi, cementificando i loro alvei e decretando la morte ecologica del nostro Frigido.

Danni solo parzialmente riparabili e con un tale esborso di risorse pubbliche che mai saranno disponibili. Al contrario parla di “sostenere per quanto possiamo, anche con fondi europei, quegli imprenditori che intendono effettuare investimenti”, quindi si legge aiutare con i nostri soldi pubblici,magari gli stessi che toglie alla nostra sanità, l’impresa privata disposta “a mantenere una visione di sviluppo sostenibile”.

Sarebbe opportuno che ci spiegasse anche come si può far rientrare in un concetto di sviluppo sostenibile un’attività che si realizza sottraendo in maniera definitiva milioni di metri cubi di montagna all’ambiente che dice di voler tutelare, intercettando ed inquinando (relazione ARPAT) anche le vitali sorgenti e i corsi d’acqua. Qualcuno dovrebbe ricordargli che i volumi estratti non sono rinnovabili e che le risorse pubbliche potrebbero essere utilizzate per impiegare la forza lavoro in opere di salvaguardia dell’esistente, solo con la rimozione dei rifiuti abbandonati ci sarebbe lavoro per anni.

Ci chiediamo inoltre come mai si prevedono 120 controlli diretti in due anni se sono 170 le cave attive in produzione? Le restanti 50 vengono però avvisate “i controlli potranno essere comunque estesi su tutta l’area estrattiva della provincia di Massa Carrara e nell’area a Nord della Versilia”. Tutto con un investimento della modica cifra di 1 milione e mezzo di euro (dei cittadini). Il presidente Rossi troppo spesso ultimamente ha fatto dichiarazioni pubbliche che non sono coerenti con le decisioni che ha messo in campo e onestamente siamo stanchi di discorsi dal timbro esclusivamente di propaganda. I cittadini non devono essere rabboniti, serve qualcuno che abbia veramente a cuore la loro tutela.

Le cose i riformisti, dichiara Rossi parlando di sé e del PD, le fanno senza fretta, talmente lentamente che dopo 12 anni di sua presenza in Regione ancora nulla è migliorato, ma per peggiorare il tempo non gli è mai mancato ed è certo che mai gli mancherà.
Cittadini, a voi la sentenza finale.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: