Skip to content

GAIA, speso un milione e mezzo per le bollette a colori

14 novembre 2015

nogaiaspaNon è una novità che GAIA appalti ad un privato la riscossione delle bollette insolute e il paradosso è che i milioni di euro spesi per pagare queste aziende esterne finiscono pure per appesantire la bolletta dell’acqua che paghiamo.
Questa storia ci offre due lezioni: la prima è che quando c’è di mezzo il privato nella gestione di un servizio primario, ad esempio la gestione di un monopolio naturale come l’acqua, chi ci rimette è sempre il cittadino, infatti in Toscana, dove tutti gli enti gestori hanno un socio privato, la bolletta dell’acqua è tra le più care d’Italia. Ricordiamolo a chi auspica la privatizzazione anche di GAIA.

La seconda dimostrazione è che la bolletta dell’acqua è politica; la politica che delega a chi di mestiere si occupa di gas e luce, di stabilire il metodo di calcolo delle tariffe dell’acqua, che favorisce la privatizzazione e permette di lucrare su un bene primario – nonostante l’esito di un referendum – che, come per GAIA, non impedisce i distacchi ai morosi, ma viceversa permette ad un privato, che ha tutto l’interesse a far cassa, di procedere al fermo della macchina a chi per indigenza non paga la bolletta, oppure non impedisce gli sprechi all’interno dell’ente gestore: GAIA, per fare un esempio, spende ancora oggi un milione e seicentomila euro (tre miliardi delle vecchie lire) per la stampa a colori e la consegna delle bollette, nell’era di internet, degli smartphone e delle APP.

La politica però a Massa non funziona. Di un lungo elenco di atti presentati dal Movimento 5 stelle e approvati dal Consiglio comunale, volti a calmierare le tariffe, a rimodulare la bolletta, ad impedire i distacchi, a garantire un minimo vitale, a tutelare la qualità dell’acqua che bevono a scuola, si è persa traccia tanto che la consigliera pentastellata, Luana Mencarelli, è stata costretta a presentare un esposto alla Procura della Repubblica!
La bolletta dell’acqua è politica…, ma dovrebbe stare dalla parte dei cittadini.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: