Skip to content

La partecipazione secondo Alessandro

22 gennaio 2015

Il-pifferaio-magicoEnnesima prova della debolezza amministrativa di questa giunta. Il gruppo Massa Lab e l’associazione Massa è Tua hanno  organizzato “un evento informativo e di confronto partecipativo” sul Regolamento per la partecipazione di cui dovrà dotarsi il Comune di Massa. Ai consiglieri comunali, e particolarmente ai membri della Commissione Statuto, che tra i propri compiti istituzionali ha la definizione dei vari Regolamenti, gli era stato chiesto di partecipare per far numero, ma senza diritto di parola, solo come semplici Uditori.

L’assessore Carioli tra le varie deleghe ha anche quella della Partecipazione, quindi con il compito istituzionale di gestire questo settore di sua competenza, tra l’altro dettato obbligatorio per legge. Allora ci chiediamo perchè perché hanno patrocinato invece queste persone, che si identificano come i gruppi sostenitori della campagna volpiana? Perché a relazionare è andato Rutili (PD tarocco), assessore al Bilancio e Patrimonio e non Carioli (PD originale)? Non lo si ritiene all’altezza oppure questa iniziativa serviva per forzare la mano a qualche posizione del partito di maggioranza, che non perde occasione di ricordare al sindaco che all’interno della coalizione il peso maggiore è sempre stato quello del PD?
La conferma al nostro dubbio, cioè che fosse un braccio di ferro tra le due fazioni del PD, tesserati e mai amalgamati, ci è stata fornita dalla decisione del partito di maggioranza di opporsi all’approvazione della bozza di Statuto Comunale, strategicamente propedeutico al Regolamento sulla Partecipazione, invocando la necessità di un percorso partecipativo, ma in fase molto tardiva, ovvero dopo ben 16 mesi di lavoro della Commissione preposta, pagata per un impegno probabilmente inutile.

La partecipazione per il M5S è una cosa molto importante ed indispensabile, ma non può prescindere da una dichiarazione di coerenza, che la vede applicata ad ogni scelta istituzionale di indirizzo del territorio, in conformità alle linee programmatiche. Non può prescindere neppure dalla trasparenza del percorso e di tutti gli atti. Non è ammissibile richiamarla a piacere dopo quasi due anni di governo della città e decisioni democraticamente discutibili. Non possiamo accettare che questo Valore sia ridotto a strumento di lotte intestine, di cui i cittadini ne pagheranno le conseguenze e che svuoterà di significato anche questo concetto, contribuendo ad aumentare la sfiducia della gente nei confronti della politica.

L’obiezione è che se di percorso partecipativo doveva trattarsi, era assoluto dovere e compito dell’amministrazione organizzare tale iniziativa, aperta a tutti i cittadini, liberi o organizzati in associazioni, tra cui anche i consiglieri comunali. Evidentemente la partecipazione non può prescindere neppure dalla volontà di andare oltre gli spot elettorali.

Luana Mencarelli portavoce M5S Cons. Comunale

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: