Skip to content

Eaton. Coi lavoratori, tutti, senza ipocrisie

28 novembre 2014

Il M5S ha scelto di non partecipare al voto sul documento prodotto dalla maggioranza sul caso Eaton e auspica con questo comunicato di chiarire al meglio la sua posizione sul tema.
In premessa ci teniamo a segnalare che, con la sua scelta, il gruppo consiliare del M5S ha consentito al Sindaco Volpi di ottenere dal Consiglio comunale quel mandato unanime che aveva richiesto per portare avanti in sede istituzionale le proprie istanze sul caso Eaton. Non abbiamo votato contro, né ci siamo astenuti. Abbiamo scelto di uscire dall’aula.

Il motivo della nostra scelta è di metodo e di merito.
Di metodo perché il documento ci è stato presentato un minuto prima dell’avvio del Consiglio Comunale, sottraendoci la possibilità di condividere con la nostra “base” di attivisti il dibattito partecipativo sul tema (condizione per noi irrinunciabile per pervenire a scelte di indirizzo diverse dal programma elettorale per il quale siamo stati votati).

Come accennato, oltre a questo, la nostra scelta è dipesa anche dal merito della questione.
Abbiamo trovato nel documento molti passaggi che non condividiamo.
Nella sua premessa la politica non fa alcuna autocritica sulla decadenza industriale che ha avuto il nostro territorio e sceglie di avvallare finanziamenti per fantomatici Piani Industriali che, molte volte, esauriscono risorse economiche senza aver creato lavoro duraturo.
Inoltre in nessuna parte del documento si parla del Consorzio Zona Industriale e della sua inefficace azione in tutti questi anni.

Noi vogliamo aprire un dibattito serio, a livello locale e nazionale, sul presente post-industriale della nostra zona e questo dovrà passare anche dall’identificazione delle responsabilità politiche e gestionali su quanto accaduto.

Abbiamo letto in quel documento l’ennesimo inganno di questa politica di cui i sindacati sono spesso purtroppo vittima, talora, nei propri vertici, consapevole.

Il Consiglio comunale di Massa, lo ricordiamo, è guidato da una coalizione a maggioranza PD, quel PD che è attualmente impegnata nell’approvazione del Jobs Act, proteso in direzione opposta all’interesse della tutela dei lavoratori espressa nell’atto del consiglio.
Il M5S ha presentato il progetto per il Reddito di Cittadinanza e la sua copertura finanziaria, ben altra cosa da zainetti e ammortizzatori sociali.
Troviamo ipocrita quel milione di euro suddivisi in 9 Comuni per lavori socialmente utili, capaci di essere un buon titolo per i giornali ma non certo di risolvere in modo solido e duraturo i problemi dei cassaintegrati Eaton. Tantomeno servono per mitigare i problemi derivanti dal dissesto idrogeologico del territorio che sappiamo impattare per diverse centinaia di milioni di euro solamente per il Comune di Massa.

Quel documento denota infine un errore di approccio fondamentale: perché ormai è chiaro a tutti che la re-industrializzazione non potrà esserci se non con produzioni ad alto valore aggiunto estranee a quanto proposto. I nostri mercati ormai sono saturi e si va a lucrare in Paesi in via di sviluppo. Come il Movimento 5 Stelle sottolinea da tempo la finanza mondiale ha spostato la fonte di introiti e di guadagni dalla produzione di beni ai servizi.

Quanta poca fantasia, quanta poca visione del futuro, quanta ignoranza possono avere questi ragionieri della politica che siedono nei banchi della maggioranza del Comune di Massa.
Si appellano ai santi nel paradiso romano, Nardi e Rigoni, che si manifestano solitamente per chiedere voti e per produrre assai pochi miracoli, mentre erano in parlamento il 25 novembre a votare la legge delega al governo per il Jobs act.

Avanti così! Un altro anno di sopravvivenza sarà assicurata agli ex Eaton che come parco voti ricattabile sotto elezioni va sempre bene e proprio per questo la politica regionale e locale si vedrà bene da risolvere i loro problemi. E nel frattempo, chiediamo noi, tutti i disoccupati, senza tutele, del nostro territorio cosa dovrebbero dire?

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: