Skip to content

Quando la politica fa acqua da tutte le parti…

21 novembre 2014

nogaiaspaC’è sgomento e preoccupazione in molte famiglie massesi, e non solo, di fronte al continuo aumento delle tariffe dell’acqua mentre le risposte date dalla politica soprattutto quella locale appaiono deboli, se non inconsistenti.
Risposte che si trincerano dietro al fatto che le tariffe sono imposte dall’Autorità Idrica Toscana, che ci sono contratti da rispettare con l’ente gestore, GAIA S.p.A, e che bisogna rispettare vincoli finanziari e di bilancio.
Quelli che sicuramente non vengono rispettati sono però i cittadini che oltre a pagare, salatamente, sprechi e inefficienze, vengono beatamente presi in giro.
Leggendo la cronaca di questi giorni scopri infatti che la presidenza dell’AIT (Autorità Idrica Toscana), doveva essere affidata, da statuto, a Filippo Nogarin, sindaco di Livorno, eletto tra le fila del Movimento Cinque Stelle, da sempre a favore di una gestione trasparente, efficace e pubblica del servizio idrico, di un minimo vitale garantito e di tariffe eque.
Cosa succede però durante l’ultima assemblea dell’AIT, composta da diversi sindaci della Toscana?! che il Partito Democratico, si inventa una delibera che esautora del titolo il Sindaco di Livorno, per nominare un suo rappresentante, creando imbarazzo anche tra le proprie fila: nove sindaci infatti non sono stati favorevoli.
Altra scoperta ancora, Carrara, Massa e Viareggio detengono più del cinquanta per cento delle azioni di GAIA S.p.a., ma i rispettivi Sindaci non impongono iniziative che salvaguardino il portafoglio dei cittadini; capitolo a parte meriterebbe la salvaguardia della salute, considerati i km di tubature in amianto, ancora dislocate nella rete idrica toscana, e il Tallio, il veleno, tanto caro alla scrittrice Agatha Christie, presente, fino alla settimana scorsa, nell’acqua di Pietrasanta.
Pure la Corte dei Conti si interessa di GAIA S.p.a. e in una recente ricognizione segnala un’anomalia nell’amministrazione: i Comuni, rappresentati dai Sindaci, sono contemporaneamente azionisti, creditori e decisori delle tariffe; una gestione che ha portato GAIA S.p.A ha indebitarsi oltre modo: circa 60 milioni di euro.

Il Movimento cinque stelle di Massa, sabato 22 novembre, dalle ore 15 alle ore 20 sarà presente, con un suo gazebo in piazza Bertagnini, per spiegare la composizione delle bollette di GAIA ed illustrare alla cittadinanza le prime proposte elaborate per contrastare questo aumento indiscriminato delle tariffe oltre alle tante altre iniziative in cui i pentastellati sono coinvolti.
Nell’occasione sarà anche possibile chiedere la consulenza gratuita di uno degli esperti dello Sportello al cittadino, l’iniziativa targata cinque stelle che mette le competenze di quattro professionisti (un avvocato, un commercialista, uno psicologo e un geometra) a disposizione della cittadinanza, a titolo gratuito, sia per un primo approccio che per un ulteriore incontro di approfondimento.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: