Skip to content

Cosa c’è nella Buca degli Sforza? #M5S

1 ottobre 2013

Area Buca degli Sforza

Area Buca degli Sforza

Cosa c’è nella Buca degli Sforza? Si sapeva che fosse sede di interramento di sostanze inquinanti, ma dopo l’ultimo Consiglio Comunale ci sembra lecito sapere che tipo di rifiuti e se ci sono pericoli per la salute dei cittadini.

.

Ma veniamo ai fatti, durante il C.C. del 28 Settembre l’assessore all’ambiente Berti, rispondendo ad un punto riguardante la nostra interpellanza sui lavori del Canalmagro-Fescione, dichiarava che per bonificare il sito della “Buca” necessiterebbero 18 milioni di euro. Sentendo una cifra di queste proporzioni ci siamo insospettiti riguardo alla natura dei rifiuti ivi contenuti e abbiamo presentato un’interpellanza a riguardo.

.

Interpellanza

riguardo presenza sostanze pericolose su area denominata Buca degli Sforza

Premesso che:

– il MoVimento 5 Stelle ritiene fondamentale la salvaguardia della salute dei cittadini, di cui il sindaco dovrebbe essere massimo garante;

– il MoVimento 5 Stelle ritiene fondamentale la salvaguardia dell’ambiente come forma di tutela diretta dei cittadini stessi.

Visto che:

– l’area interessata è attraversata dal canale Fescione prima di riversarsi nel Versilia che sfocia in un tratto di mare altamente frequentato;

– la zona è adiacente ad un’area specificatamente attribuita al transito pedonale e ciclabile.

Considerato che:

– l’amministrazione era già in possesso di informazioni precise relative alle categorie di materiali inquinanti presenti nel sito, tanto che l’assessore competente durante il Consiglio Comunale del 25/09/2013, rispondendo alla interpellanza sul “Progetto inerente il tratto terminale del Canalmagro-Fescione” da noi presentata, ha affermato che necessiterebbe la somma di 18 milioni di Euro per la bonifica dell’area Buca degli Sforza;

– tale zona dovrebbe essere quindi adeguatamente recintata e segnalata per impedirne e dissuaderne l’accesso per qualsiasi motivo.

L’interpellante chiede :

– di venire a conoscenza delle sostanze inquinanti presenti, chi sono i responsabili di tale conferimento e da chi sono stati forniti i relativi permessi;

– se sono stati eseguiti monitoraggi regolari del Fescione per valutare il rilascio di inquinanti nelle acque o di dare avvio a detti controlli;

– se l’amministrazione intenda costituirsi Parte Civile nei confronti dei responsabili;

– se l’amministrazione ha già progettato la bonifica e in quali tempi pensa di essere in grado di affrontare e risolvere questa situazione pericolosa per la salute e l’incolumità dei cittadini.

Massa 30 Settembre 2013

Il Consigliere Luana Mencarelli

Movimento Cinque Stelle Massa

Annunci
5 commenti leave one →
  1. daniela toni permalink
    1 ottobre 2013 09:11

    Benissimo, aspettiamo risposta!! Sarebbe gi molto visto l’aria che tira… Che le nostre spiagge e i nostri fiumi sono contaminati un segreto di pulcinella e finora per interessi vari, s’ fatto finta di niente ma mettere il profitto davanti alla salute vergognoso !!

    Mi piace

  2. Carlo permalink
    1 ottobre 2013 17:21

    Si vede bene anche dalla foto la zona dove non cresce neanche l’erba! Bravi! Tra l’altro come evidenziato nell’interpellanza la recinzione è costituita da una rete facilmente valicabile, mi viene in mente quante ne ho scavalcate da ragazzo e se penso che qualcuno dei nostri figlioli possa per gioco andare la dentro mi si accappona la pelle.

    Mi piace

  3. Vergogn permalink
    10 ottobre 2013 12:57

    Ma che ci sarà ma li sotto daiii ci fidiamo ciecamente dei nostri “governanti” no? Io ci sono stato da piccolo, da adolescente ed adesso…. X curiosità da piccolo mi dissero che la villa che era li fu bombardata da aerei…. Ma adesso… Posso solo immaginare un tipo di “bombardamento” subito….
    Non dico nulla, ma M5S (Che in alcune cose Vi stimo…) potrebbe fare un semplice carotaggio che con 500€ ce la caviamo?

    Mi piace

    • 12 ottobre 2013 09:18

      Buongiorno, che la bonifica costerebbe 18 milioni lo ha detto il vicesindaco non il M5S, noi saremmo ben felici se non ci fosse nulla! Ma non vorremmo che un giorno qualcuno bonificasse il niente per 18 milioni….che ne pensi?

      Mi piace

  4. VeraVergogna permalink
    4 novembre 2013 16:33

    beh la bonifica va fatta se esiste pericolo di contaminazione (vedi ex fibronit… che poi vorrrei sapere come … è stata fatta…)

    Un semplice carotaggio eseguito anche da ditte Massesi (Geo Tirreno x esempio) ha un costo irrisorio contro i 18 milioni…. e se esce qualcosa allora i 18 milioni saranno accollati a chi di dovere, non certo al comune….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: