Skip to content

La psicanalisi politica #M5S

26 marzo 2013

Written by Mercantino

Francamente mi sono stancato di leggere chi io sia. Nell’ordine, io, attivista del movimento 5 stelle di Massa che da anni incontro i miei concittadini e parlo con loro, che scambio idee su come poter risolvere la drammatica situazione del territorio, che perdo nottate su nottate per presentare un programma elettorale condiviso e sentito e non calato dall’alto, che mi presenterò alle elezioni non forte di un mercato delle vacche volto solamente ad occupare delle poltrone, sono accusato di essere: fascista, comunista, demagogo, razzista, antisemita, euroscettico, copiatore maldestro di programmi elettorali, inesperto, telecomandato, critico nei confronti di Grillo, seguace di una setta, che intasco i rimborsi elettorali, che do il cattivo esempio rifiutandoli, che perché ho un lavoro me ne frego dei disoccupati, che sono un disoccupato alla ricerca di una poltrona, utopista, massone, servo degli americani, giustizialista. Oggi ho letto l’atto conclusivo di questo parossistico attacco mediatico. Un personaggio ha avuto il coraggio di scrivere “Ma anzi che votare questi voterei: Brigate Rosse …” e chiedeva consiglio affinché gli si indicasse anche di peggio. Il consiglio non è arrivato, per fortuna per ora, ma subito un’oca giuliva dalla grammatica spesso incerta ha aggiunto “d’accordo con te”. Quando non si abbassano a volgari offese, tutti si affannano a spiegare che cos’è il movimento 5 stelle, chi sono coloro che vi partecipano  e come ragionino. Senza aver mai letto nulla del movimento, senza aver mai partecipato ad una riunione, senza aver letto il nostro programma, senza conoscere nulla di chi siamo, come pensiamo e a cosa aspiriamo. È quasi una gara, e vi partecipano in molti, dal politico affermato, al giornalista, dall’opinionista, al blogger, al semplice utente della rete che gode della celebrità di pochi commenti di approvazione. È un sentito dire che si autoalimenta, una gara a chi la spara più grossa. Asino e più asino direbbero gli americani. Tutti questi dispensatori di etichette sono però tutti accomunati da un fattore comune. Direttamente o indirettamente sono tutti legati alla casta politica che negli ultimi decenni ha occupato le istituzioni traendone fonte di “guadagno” . A saper leggere tra le righe le cronache quasi quotidianamente ci raccontano come. E posso anche capirli i vari yesman massesi, sanno che se il M5S vincesse le elezioni di maggio la festa finirebbe per i loro referenti, molti dovrebbero trovarsi un lavoro vero, dinastie di politicanti, figli e nipoti dei vari maggiorenti del passato, vedrebbero improvvisamente l’estinzione. Affari, pastette, scambi finirebbero. Qualcuno, forse, dovrebbe spiegare qualcosa oltre che alla cittadinanza per lo meno alla Corte dei Conti. Fa veramente paura a certe persone il Movimento, tanto che potremmo accomunare la campagna di diffamazione e di paura scatenata contro i 5 stelle pari o superiore a quella scatenata contro i comunisti nel dopoguerra. Da un giorno all’altro, mi aspetto che qualche grillino sia accusato di infanticidio e antropofagia. Basta signori! Abbiamo capito il giochino! Avete ridotto Massa in macerie e la sua cittadinanza in braghe di tela e non solo non volete ammetterlo, ma pur di non pagare il conto state cercando un avversario per far da parafulmine, pensando poi, con comodo, che continuerete a spartirvi la torta come avete fatto finora. Non sarà così, la festa è finita e, diversamente da come siete abituati, c’è il conto da pagare.

Seguici su twitter e Facebook

Scrivici a info@massa5stelle.it

Annunci
18 commenti leave one →
  1. orso bianco permalink
    26 marzo 2013 11:18

    pensa, una ragazza di 28 anni ha votato vendola, perchè le piace come parla di sinistra, finalmente bersani si da da fare per costituire un governo, dopo aver fatto le primarie veramente, non come grillo online; mentre il m5s voleva andare al governo da solo: se non è dittatura quella……….
    secondo me l’italia merita di finire peggio della grecia, peggio di cipro, peggio….
    altrimenti continuerà come negli ultimi 20 anni; e non pensate che se si va alle elezioni le cose migliorino: ci sarebbe un altro recupero da parte di quello che s’è fatto da sè, che la magistratura vuole eliminare ingiustamente, ecc…
    “siamo bestie ignoranti, senza cultura e senza memoria” e ne raccoglieremo i frutti

    Mi piace

    • max permalink
      26 marzo 2013 11:50

      ma non è che vi siete autoconvinti di essere i migliori?fino a qualche anno fà prima della nascita dei meetup dove eravate nascosti?la vostra coscienza di anticasta forse non era ancora pervasa da questo spirito di rinnovamento,forse riuscivate ancora ad anteporre i vostri interessi personali al bene comune poi come paolo di tarso la folgorazione sulla via di damasco;vuoi vedere che se cambi il partito al potere un posticino lo trovo anch’io?

      Mi piace

  2. Luca bianchi permalink
    26 marzo 2013 12:07

    Il bello Max che nessuno di noi si é auto convinto di esser ilmigliore , ma questo lo capiresti se ti levassi i pregiudizi o la faziosità ( non so chi sei ,max e’ un po generico,quindi non posso farmi un’idea precisa) e cercassi di conoscere le persone che stanno sul territorio,come lavorano,cosa pensano. Scusa ma te fai politica da quando hai un anno? Ognuno avrà avuto le sue idee poi forse vedendo come andavano deluse,piuttosto che per interessi continuare a votare i soliti ha deciso un’altra strada. Io ad esempio non son mai riuscito a votare,alle politiche,(tranne la prima volta nel 2001) nessuno schieramento perché vedevo in entrambi simili storture e magagne( se mi passi il termine) e siccome non credo al votare il meno peggio( se ritengo entrambi peggio) ho sempre annullato il mio voto. Lasciamo stare i santi…

    Mi piace

    • max permalink
      27 marzo 2013 21:05

      capisco che max sia un pò generico ma sai i blog sono frequentati da gente strana e il fanatismo ha molti proseliti.purtroppo o fortunatamente per te non ho pregiudizi,sono molto aperto di mente a differenza di altri che dicono no perchè un capo supremo lo ordina,io voto sempre da 30 anni ,trovo sempre quello che rispecchia le mie idee politiche perchè non le cambio ogni giorno,non amo chi mi dice cosa fare e come comportarmi,non amo chi tratta le persone come subalterni,non lascio indietro chi non conosce il web,non credo che nel 2050 i giornali,la politica ed i governi non ci saranno più e sopratutto credo che il mondo sia pieno di creduloni ed ignoranti.la politica fa schifo ma sono le persone a farla e non credo che solo i 5 stelle siano detentori della verità assoluta.mi spiace perchè conosco molti grillini ma anche testimoni di geova e le analogie sono molte.i miei interventi potranno sembrarti spigolosi ma solo sul web possiamo scambiarci opinioni visto che il confronto tra sordi è difficile.ciao SPALLANZANI MASSIMO.

      Mi piace

  3. paolo permalink
    26 marzo 2013 12:33

    oh belo te va avanti x la to via arcordete che i scriene segate spesso x invidia e denigrare i loro avversari.ajie da farla cambiare sta citta’ da troppo tempo ale’ rossa e i nan risolto un cazz…i digene i promettene e po gnente.forza m5s e w massa.cia’ a tt

    Mi piace

  4. Marco Ricci permalink
    26 marzo 2013 13:16

    Dopo aver votato M5s e non essermene pentito , cerco di non abbandonare la sana pratica di esercitare il diritto di critica. Oggi lo voterei nuovamente? credo di no. Non ho votato per “rendicontare le caramelle”.
    Nel post linkato sopra ci sono passi secondo me imbarazzanti.
    Quella saccenza sinistroide per cui se non la pensi dogmaticamente in un senso sei fascista/inetto/etc etc mi ha sempre infastidito. Nella mia irruenza cerco di essere sempre poco tifoso, per quello mi basta il TORO, e possibilmente coerente. Ora leggo nel post “…..Il consiglio non è arrivato, per fortuna per ora, ma subito un’oca giuliva dalla grammatica spesso incerta ha aggiunto “d’accordo con te….” Quindi come va collocata questa frase? Nella solita categoria: SACCENZA. Denigrare per la grammatica! e poi Oca giuliva cosa vuol dire? E perchè non “zoccola”? Ah il femminismo dimostrato nelle quote delle elette.
    Altro passo, secondo me ancora più grave “…È quasi una gara, e vi partecipano in molti, dal politico affermato, al giornalista, dall’opinionista, al blogger, al semplice utente della rete che gode della celebrità di pochi commenti di approvazione…” Cioè? Un semplice utente che dissente è una merda? Si ricomincia la storia. I buoni di qua e i cattivi di là. Ma non era uno vale uno anche nel dissenso? Non era la rete lo strumento adatto?

    Altro passo:” Tutti questi dispensatori di etichette sono però tutti accomunati da un fattore comune. Direttamente o indirettamente sono tutti legati alla casta politica che negli ultimi decenni ha occupato le istituzioni traendone fonte di “guadagno” . A saper leggere tra le righe le cronache quasi quotidianamente ci raccontano come. E posso anche capirli i vari yesman massesi, sanno che se il M5S vincesse le elezioni di maggio la festa finirebbe per i loro referenti, molti dovrebbero trovarsi un lavoro vero, dinastie di politicanti, figli e nipoti dei vari maggiorenti del passato, vedrebbero improvvisamente l’estinzione….”

    Al netto che gli yesman esistono e li conosciamo, e per questo vanno combattuti, però mi domando: se votassi che ne so, per Volpi, avendo partecipato a quello che mi è sembrato un dibattito fatto anche di critiche, di opinioni divergenti in sostanza dibattito aperto e comunque volto a cercare di rinnovare e mettere in minoranza questi yesman sarei etichettato “yesman” anch’io? Mmmmmmh. Concetto troppo generico quello del passo sopra che fa un po’ acqua.
    Vabbè, criticare chi appiccica etichette lo capisco, e bene, ma allora perchè appiccicarne altre? E’ dura eh? Il terreno, quando si passa dalla sola critica all’operatività, diventa scivoloso e il diritto di critica rimane intatto senza il bisogno di tacciarlo sempre come opera di troll.
    In ultimo altro passo: “Fa veramente paura a certe persone il Movimento, tanto che potremmo accomunare la campagna di diffamazione e di paura scatenata contro i 5 stelle pari o superiore a quella scatenata contro i comunisti nel dopoguerra.
    Personalmente ho così tanta paura che, ripeto, ho votato m5s alle politiche ma penso che il vento di rinnovamento fatto esplodere dal m5s debba investire il m5s stesso. Niente sconti. Quando si leggono quelle che uno ritiene cazzate le evidenzia tranquillamente, non castratevi da soli

    Mi piace

    • Betty permalink
      27 marzo 2013 14:47

      Caro Marco, io ho votato m5s e, a meno che non dovessero rispettare (in malafede), ciò che hanno promesso, li rivoterò senza dubbio. Questo, perché la reale partecipazione diretta che ci viene offerta, per esempio attraverso i meetup, ove ogni cittadino può esporre i suoi pensieri, problemi e progetti e viene sinceramente preso in considerazione, trovo abbia un valore inestimabile per la collettività. Ciò premesso, devo però anche darti ragione su alcuni punti da te sollevati. Per esempio, la saccenza: mi hanno dato molto fastidio quegli episodi come il non contraccambiare il saluto alla Bindi e vantarsene anche, Crimi su Napolitano rimasto sveglio (affermazione, che come abbiamo visto, si è trasformata in un boomerang con la gaffe della foto con gli occhi chiusi). Beppe ha fatto le pulci a loro? ora loro comprensibilmente si vendicano, dobbiamo accettarlo. Ricordatevi, gli atteggiamenti da primi della classe, sono sempre stati antipatici, quindi cari Cittadini a Roma, fatevi un attimo un esame di coscienza e cercate di essere un po’ più umili, guadagnereste un sacco di punti e questo vale anche per Beppe, che stimo moltissimo per ciò che è riuscito a creare, ma adesso pf basta con le parolacce e gli insulti pesanti. se vuoi che ci prendano sul serio. Imparate dalle critiche come quelle di Marco, anche se capisco fin troppo bene lo sfogo di Mercantino, dovuto alla rabbia ed alla frustrazione per veder messo sempre in dubbio un lavoro difficile, svolto con onestà e passione. Io stessa, leggendo i vari commenti sui quotidiani e sul blog, mi rendo amaramente conto, che c’è una marea di gente, che manco sa cos’è un meetup o i 20 punti del programma, ma per passatempo non fa altro tutto il giorno, che spammare diffamazioni ed insulti. Ma è una minoranza: basta uscire e parlare con la gente della strada, per capire che siamo sulla via giusta, quindi FORZA E CORAGGIO

      Mi piace

  5. Aliyah permalink
    26 marzo 2013 16:50

    sono arrivata tardi alla partecipazione, tardi alla politica e di questo mi scuso….MoVimento 5 stelle è ill primo che frequento regolarmente e, malgrado i mille dubbi e le paure, vedo in loro uno slancio sincero e sopratutto DIVERSO non legato a logiche di partito, mi rincuora vedere tanti giovani impegnati, entusiasti anche se a volte terribilmente ingenui; quando ho detto che ho votato M5S e lo voterò anche alle amministrative sono stata accusata di tutto e il contrario di tutto ma sono abbastanza grande per reggere il peso, ne porto di peggio e sorrido sempre. Cerco anche di mantenere lo spirito critico, alcune uscite di Grillo non mi hanno soddisfatto e comunque credo nel MoVimento….quindi raccogliamo i cocci e continuiamo a sognare una Massa diversa e più pulita, male che vada sarà stato un bel sogno e non curiamoci degli ultimi colpi di un mondo morente.

    Mi piace

  6. Carlo permalink
    26 marzo 2013 17:25

    Ma non avete capito ancora a che gioco giocano Max-troll ed il suo amico Orso bianco? Sono come gli allenatori di calcio del lunedì di cui ribollono i bar, dai Max-troll dicci per chi hai votato ed i tuoi criteri di scelta, se è possibile saperli.

    Mi piace

    • max permalink
      27 marzo 2013 21:21

      caro carlo,forse dopo un buon ponch al mandarino hai creduto di conoscere il senso della vita,max-troll?ma l’italiano sul blog non lo insegnano?basta che il capo dice un nuovo termine e l’apostolo impara.vuoi sapere per chi ho votato?si dice che la curiosità è femmina,ma si sà sono un generoso e asseconderò volentieri la tua sete di conoscenza.ti faccio una piccola cronostoria e poi se ti fà piacere ti racconto un pò di me;dal 1984 PCI del grande ed onesto ,che parlava di questione morale quando grillo pubblicizzava lo yogurt,ENRICO BERLINGUER.poi pds fino a che non si sono sputtanati ,poi rifondazione e questa volta rivoluzione civile.ti basta?quando fai l’operaio e ti cercano di inchiappettare tutti ti difendi come puoi,ho fatto anche il sindacalista gratis mi hanno lasciato in cassa integrazione per questo ma non rimpiango niente perchè lottavo per i miei diritti,se ti fa piacere non mi assumono più perchè mi porto dietro questa” infamia “ma non permetto a nessuno di darmi lezioni di vita .soddisfatto?

      Mi piace

      • Carlo permalink
        29 marzo 2013 22:35

        Caro Max-troll quando conoscevo questo termine quello che tu chiami il mio capo non sapeva cosa era un pc, anche tu sai ben poco della mia vita. Mi dispiace che tu abbia difficoltà sul lavoro, il mio massimo rispetto. Comunque rimani un troll per come ti poni nel forum.

        Mi piace

        • max permalink
          30 marzo 2013 12:06

          certo i troll si riconoscono dal linguaggio,i m5s invece dalla saggezza che sprigionano in ogni commento.è proprio vero che l’abito non fà il monaco.

          Mi piace

  7. Orso Grigio permalink
    27 marzo 2013 19:57

    Anche i nani al tramonto hanno un’ombra molto lunga. Loro credono di essere dei giganti, ma nani rimangono. E’ giusto che dopo aver fatto danni per vent’anni vadano a casa.

    Mi piace

  8. Icaro permalink
    5 aprile 2013 00:50

    Al di là delle invettive politiche esiste un problema democrazia all’interno del M5S. Attualmente la struttura di questo movimento/partito sembra essere un vertice composto dalla coppia Casaleggio-Grillo (o viceversa) in carica vita natural durante ed una base munita di un discutibilissimo potere di persuasione attraverso la cd “rete”. Mancano strutture intermedie e la “linea nazionale” è calata dall’alto, in altri termini vige una diarchia ed a chi non sta bene si accomodi fuori….
    Raramente si sono visti parlamentari ridotti a controfigure di un regista extraparlamentare che non riuscendo ad esprimere autonomamente nulla di politico riescono solo a sprigionare arroganza ed ottusità.
    La trasparenza che giustamente si chiede ai vecchi partiti è un optional obsoleto per il nuovo entrato M5S e non è un caso che in questo nuovo concetto di comunità le conferenze stampa sono dei comunicati con divieto di porre domande ed i confronti ( tradizione democratica dell’occidente) sono evitati e banditi. La storiella del giornalismo al servizio del potere è una trita litania che diventa sincera ilarità quando si proclama che il “confronto si fa nelle piazze”, si ma con i soliti e logori comizi e cioè in senso unidirezionale…..( che palle!!!).
    E’ una provocazione, ma resta aberrante, che si aspiri al 100% dei consensi. Io temo l’integralismo di chi vede la politica come uno strumento per creare “uomini nuovi”: lo hanno già fatto tutti i dittatori rossi e neri; tutti i ministri dei vari culti religiosi che hanno elargito anatemi e roghi ad oppositori o eretici. Io temo l’unanimità. Io amo la diversità, il dissenso, il pluralismo. E’ meglio il vuoto della scatola della democrazia che qualsiasi contenuto totalitario. Non replicatemi che “le piazze sono piene” perché è vero che Grillo non dice cose sbagliate bensì cose giuste ma da un pulpito ( la struttura di partito che ha creato) inaccettabile per chiunque non sia un nostalgico di Casa Savoia ( debitamente mutuata in Casa Grillo). Se il M5S fosse un partito con il DNA democratico sarebbe il massimo purtroppo invece parte con una malattia congenita che però ritengo non mortale. Un buon trapianto di midollo costituzionale, qualche staminale di democrazia e trasfusioni di storia per non dimenticare, credo che lo possano trasformare in quel che vorrebbe essere e cioè un movimento-partito dove uno conta uno e non due contano per tutti.

    Mi piace

    • max permalink
      6 aprile 2013 11:43

      si vede un barlume all’orizzonte………..come diceva il marchese del grillo “io so io e voi un siete un ca..o bravo icaro finalmente un analisi reale

      Mi piace

    • Carlo permalink
      7 aprile 2013 23:26

      Aridagli caro Miles Gloriosus/Icaro, non riesci proprio a scrivere sempre con lo stesso pseudonimo, te l’ho già spiegato anche un pò di tempo fa che anche se cambi nome il gravatar a lato rimane sempre lo stesso. L’altra volta non ricordo il secondo nome….sei recidivo, :).

      Mi piace

  9. Mercantino permalink
    7 aprile 2013 21:42

    Ad oggi si constata quanto tanti siano coloro che si affannano di affermare quanta poca democrazia ci sia nel M5S e per contro quanto pochi (nessuno?) siano questi quanto tanti che partecipano attivamente alle riunioni del M5S. Se anziché pontificare partecipassero saprebbero di quanta vacuità son fatte le loro affermazioni.

    Mi piace

  10. max permalink
    8 aprile 2013 13:24

    se si rispettassero le idee di tutti come sarebbe bello discutere…………….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: