Skip to content

Calpestati 34.000 massesi e 27 milioni di italiani. Silenzio assordante, ma noi urliamo!

9 gennaio 2013


Con il referendum del Giugno 2011, 27 milioni di italiani, superando il quorum, hanno decretato la vittoria del SI e affermato chiaramente:
Basta s.p.a, privati e multinazionali e nessun profitto sui servizi essenziali come acqua potabile, gestione dei rifiuti e trasporto pubblico. A Massa lo hanno fatto 34.000 persone, ma nel silenzio di tutti i partiti a 17 mesi di distanza da quell’esito accade ciò:
– Nessuna ripubblicizzazione di Gaia: acquedotto, fognature e depurazione sono gestiti ancora da una S.p.A. che aumenta le tariffe e continua a far pagare in bolletta la parte che è stata cancellata col referendum, ovvero il “7% di remunerazione sul capitale investito”;
– Creazione del Gestore Unico dei Rifiuti per le province di Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno. La cosa grave è che questo gestore (RetiAmbiente S.p.A.) sta per essere privatizzato tramite una gara di appalto europea, contrariamente al risultato referendario.
– Stessa cosa accade per i Trasporti Pubblici Locali, dove la gara d’appalto sarà indetta nei prossimi mesi.
I nostri amministratori, caduto l’obbligo di privatizzazione, agiscono spudoratamente e impunemente privatizzando per “volonta’ politica“, non certo nell’interesse del cittadino.
La posta in gioco è gigantesca: sui rifiuti, ad esempio, chi vince si aggiudicherà ricavi per 260 milioni di € l’anno per un periodo di 25 anni, pari ad oltre 6 miliardi di €, che ovviamente dovranno uscire dalle tasche degli ignari cittadini attraverso impennate tariffarie.

L’attuale amministrazione comunale non ha rispettato l’esito del referendum né la costituzione (art.43). Stessa cosa a livello nazionale: il nuovo metodo tariffario sull’acqua approvato dalla Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas reinserisce la remunerazione cancellata col referendum chiamandola “oneri finanziari”, col beneplacito di tutti i partiti attualmente presenti in Parlamento; e’ necessario uno scatto d’orgoglio e d’amor proprio per fermarli, sia a Massa che in Italia!
Obiettivo del MoVimento 5 Stelle:
– inserire in Costituzione il divieto di profitto su Servizio idrico, Gestione dei rifiuti e Trasporto pubblico locale, in quanto servizi essenziali di interesse sociale e generale, tramite un disegno di legge che mi occuperò di redigere;
– inserire tale divieto, con apposita formula giuridica efficace, nello Statuto del Comune di Massa;
– sollevare l’incostituzionalità della nuova tariffa sull’acqua: la volontà popolare espressa con referendum va rispettata;
Prendiamo coscienza che il futuro di Massa e dell’Italia è nelle mani dei cittadini. Noi ci siamo, voi siete pronti a fare la vostra parte insieme a noi? Il tempo è ora.

Marco Di Gennaro
Candidato alla Camera dei Deputati nelle liste del MoVimento 5 Stelle

Seguici su twitter e Facebook

Scrivici a info@massa5stelle.it

2 commenti leave one →
  1. 10 gennaio 2013 03:42

    Sono con voi!

    Mi piace

  2. Luca Bianchi permalink
    10 gennaio 2013 18:22

    la solita finta democrazia all’italiana, ti fanno credere di poter decidere con un referendum se una legge sia buona o meno e poi puntualmente disattendono l’esito del voto referendario a seconda dei propri interessi. E’ una cosa che abbiamo già visto dopo il referendum che abolì i finanziamenti pubblici ai partiti poi reintrodotti come “rimborsi elettorali” che poi i partiti hanno usato per i loro provilegi personali. E in questo giochino la destra come la sinistra sono PERFETTAMENTE ALLINEATI E COMPATTI…E ORA CONTINUANO AD AVERE LA FACCIA TOSTA DI RIPRESENTARSI COME SOLUZIONE AI PROBLEMI DEL PAESE!!! MA STAVOLTA E’ DIVERSO, UN’ALTERNATIVA ESISTE….A 5 STELLE!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: