Skip to content

Il MoVimento 5 Stelle c’è

22 maggio 2012

La vecchia politica non cambierà mai, non ha umiltà e mai quindi l’avrà; di fronte ai risultati elettorali il PD, là dove ha perso, ha precisato di non aver vinto perdendo di vista i motivi dell’insuccesso, il PdL ha sostenuto che chi si è astenuto dal voto lo ha fatto per non votare la sinistra, l’UdC ha sostenuto che ha vinto chi non è andato a votare legittimando questo incivile gesto e la Lega si è dichiarata contenta perché si è segnata la fine del “carroccio” nel quale si è riconosciuta fino a ieri l’altro.

Queste affermazioni devono assolutamente far riflettere sulla capacità di questa vecchia politica di fare autocritica, riconoscere di aver oltrepassato il limite della decenza e fare ammenda di fronte ai cittadini italiani.

Il M5S di Massa invece vuole congratularsi con i cittadini che hanno avuto la tenacia morale di sostenere le 5 Stelle, di credere che veramente le cose possano cambiare se lo si vuole e nella certezza che si possa fare di meglio in termini di trasparenza, legalità, democraticità e gestione sostenibile. Gente che ha fatto lo sforzo di leggere i programmi senza credere incondizionatamente all’enorme sforzo mediatico fatto per negare l’evidenza della concretezza delle nostre proposte che dalla nostra nascita ci ha contraddistinto dai vecchi schieramenti. I nostri programmi nascono dall’interazione con tutti quei cittadini che hanno voglia di collaborare con chi ha dimostrato di volergli dar voce, perché il M5S non è personalismo e individualismo, ma la convinzione radicata che la migliore amministrazione sia quella partecipata.

La vecchia politica si è prodigata solo a copiare qualche aggettivo usato da questi grillini che hanno tanto disprezzato pubblicamente, credendo nella conclamata abitudine che bastino solo degli slogan per fare politica, ma le idee sono di chi le sente come valori da condividere ed attuare.

Il MoVimento 5 Stelle combatte una battaglia in solitaria puntando unicamente sulla capacità personale di saper decidere degli italiani tutti se messi in condizione di poterlo fare con un’informazione libera, accessibile, non faziosa e di totale rispetto.

6 commenti leave one →
  1. cristina piccinini permalink
    22 maggio 2012 16:35

    La dichiarazione da parte di Bersani di “non vittoria” si lega alla “non poliica” fatta finora, concentrata solo su un antiberlusconismo che però non comprendeva azioni concrete per il paese. E’ stata per anni una “non opposizione”, povera di idee, povera di iniziative, povera di ascolto verso la voce gli italiani. Ora minimizzare i risultati del Movimento 5 Stelle sembra un altro, ennesimo, “non” , un non riconoscimento della capacità degli italiani di agire contro tutto ciò che ha ridotto il paese nello stato pietoso in cui si trova.
    Il Movimento 5 Stelle è la via da seguire, con determinazione e dignità, per ricostruire il presente e il futuro. E potranno dire ciò che vogliono, con quei sorrisini tipici di chi crede di poter continuare a sguazzare nel suo brodo, ma arriverò il momento in cui dovranno abbassare la testa di fronte agli Italiani e andare tutti a casa. Il popolo è sovrano!

    Mi piace

  2. Alessandra permalink
    23 maggio 2012 12:54

    Concordo con Cristina, tra l’altro si è visto un cambio di comunicazione sui mass media, da ieri alcuni tg o commentatori hanno specificato che non si può parlare di antipolitica per il Movimento 5 Stelle, ma che l’antipolitca risiede altrove. Corradino Mineo si è addirittura lanciato in un l’antipolitica ormai è a Roma dove non riescono neppure ad eliminare l’attuale legge elettorale, che è a dir poco vergognosa. La cosa divertente è che fino a l’altro ieri non esistevamo oppure ci sputavano addosso! Avanti così!

    Mi piace

  3. Carlo permalink
    23 maggio 2012 22:52

    Certo che questo di Parma è un grande successo, il M5S potrà governare e portare avanti il suo programma da solo al contrario delle coalizioni di compromesso a cui assistiamo ad ogni tornata elettorale, basta vedere l’infornata di Zubbani a Carrara che parte dall’UDC e arriva a rifondazione comunista, ogni decisione dovrà essere mediata e spartita in tante piccole fettine come le loro poltroncine. Speriamo che siano gli ultimi colpi di coda di questa politica. A Massa il prossimo anno ne vedremo delle belle, liste civiche fasulle, coalizioni improponibili, associazioni poltiche, candidati marionetta spacciati come novità. Il risveglio è iniziato spariranno anche loro insieme agli altri.

    Mi piace

    • Stefano C. permalink
      24 maggio 2012 07:43

      Carlo sono concorde circa quanto affermi,certo nonostante tutte le difficoltà che Pizzarotti ed il movimento dovranno affrontare ,( enorme buco di bilancio e nei rapporti con Provincia,Regione,Stato)essi avranno comunque la possibilità di non doversi piegare alle logiche della partitocrazia (spartizione poltrone,nomine politiche nelle partecipate e negli enti,politica del compromesso ecc.ecc.)riuscendo a portare avanti il programma 5 stelle senza condizionamenti.Su Massa in particolare,nasceranno liste civiche come funghi (tutte rigorosamente collegate direttamente o indirettamente ai partiti o ai candidati di questi ultimi),sarà questo l’unico segnale di un presunto cambiamento/rinnovamento che la politica locale tenterà di spacciare per buono ai cittadini,nella realtà dei fatti tale operazione sarà tesa più ad incidere sulla forma che sulla sostanza .Agli effetti pratici l’intento del sistema di potere partitico è riconducibile nè più nè meno alle massime di gattopardesca memoria con il fine unico di mantenere inalterato lo status quo (nella fattispecie quello dei gruppi di potere) .

      Mi piace

  4. Stefano C. permalink
    24 maggio 2012 06:58

    La vittoria di Parma rappresenta senza dubbio una enorme opportunità ma al tempo stesso essa costituisce un banco di prova davvero molto impegnativo,con ben 600.000.000 di euro di buco nel bilancio comunale non sarà affatto facile governare (saranno necessari tagli drastici e una forte riduzione degli investimenti)purtroppo questa è la pesante eredità del buongoverno della partitocrazia.se il Movimento riuscirà nell’impresa ,non è assolutamente improbabile che si verifichi un effetto tsunami su scala nazionale.

    Mi piace

  5. patrizia permalink
    24 maggio 2012 12:24

    quando vedi i visi dei nuovi sindaci 5 stelle, così giovani, sconosciuti, pieni di entusiasmo ma anche di umiltà ti si apre il cuore e speri che questo modo di fare Politica vera contagi tutti i cittadini di tutte le città d’Italia !

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: