Skip to content

Una spiaggia libera da Marinella di Sarzana a Follonica.

7 marzo 2011

Una spiaggia libera da Marinella di Sarzana a Follonica“, questo il nome del nuovo gruppo Facebook creato prendendo spunto da una ampia e dibattuta discussione sulla bacheca di “Massa non è una città per giovani”, che nei giorni scorsi aveva lanciato l’argomento.

La discussione parte dalla direttiva Bolkstein del parlamento Europeo che, se applicata, potrebbe portare al ritiro delle concessioni demaniali agli attuali detentori per poi rimetterle a disposizione dei Comuni. Ovviamente questo si tradurrebbe in un vero e proprio terremoto per i titolari degli stabilimenti balneari che sicuramente mai avrebbero pensato di dover perdere i diritti sulle concessioni.

Questo possibile evento ha acceso  la discussione sul fatto che, al pari delle cave di marmo, si lucrano passaggi di concessione milionari e ricchi introiti sfruttando  le spiagge. Proprio perché bene collettivo, il litorale non dovrebbe essere trattato come proprietà privata. Chi ha buona memoria si ricorderà l’accaparramento post tornado, che nel tempo ha trasformato semplici concessioni d’uso della spiaggia in veri e propri bagni stabilmente attrezzati. Pur comprendendo le preoccupazioni di chi ad oggi sta sfruttando queste attività, equità vorrebbe che ogni tot di anni venga data anche ad altri la stessa possibilità. Se a questo uniamo il fatto che le spiagge libere sono poche ed i prezzi dei bagni alle stelle possiamo affermare che l’argomento richiede una profonda riflessione al fine di portare il giusto equilibrio ad una situazione fortemente sbilanciata a favore dei balneari, la cui popolarità non è mai stata così in ribasso.

Da tutto questo nasce il gruppo Facebook che da il titolo all’articolo, le proposta è di creare un unica enorme spiaggia libera, con strutture non permanenti a garantire servizi ai bagnanti. Secondo i fondatori i posti di lavoro sarebbero salvaguardati e le spiagge restituite a cittadini e turisti. Un sogno ? Forse, ma gli iscritti aumentano giorno per giorno e in città sono in molti a condividere queste idee….

Gruppo Facebook Una spiaggia libera daMarinella di Sarzana a Follonica

4 commenti leave one →
  1. luca bianchi permalink
    7 marzo 2011 23:53

    Col rispetto di quei gestori che si danno da fare e lavorano anche per portare delle novità in questo ambiente è ora di finirla con queste concessioni che si ereditano, con queste vere e proprie ville che fioriscono sulla spiaggia con piscine e ristoranti oscurando la vista del mare ddal “viale a mare”; inoltre i prezzi volano a cifre veramente assurde…E’ ora che le concessioni tornino al comune che le deve poi concedere per pochi anni. Vanno ABBATTUTE QUELLE MOSTRUOSITA’ EDILIZIE PER LASCIARE IL POSTO A PICCOLI PUNTI RISTORO

    Mi piace

  2. Pietro permalink
    9 aprile 2011 14:12

    Dire tante stupidaggini non si spende nulla, occorrerebbe conoscere la legge Europea e i successivi risvolti e obbiettivi politici della comunità Europea, se il mio amico Luca Pedonese volesse intavolare una discussione sono a suA completa disposizione. La cosa importante , quando si apre bocca, occorre prima fare il collegamento!

    Mi piace

    • Alessandra permalink
      11 aprile 2011 08:34

      Ciao Pietro, anche quando si scrivono delle affermazioni bisogna fare il collegamento, per ora hai scritto solo delle offese. Se vuoi discutere spiegati meglio, se sei a disposizione scrivi le tue ragioni, io sarò ben felice di ascoltarle.

      Mi piace

  3. Cristina Baldini permalink
    26 giugno 2011 17:22

    Sono perfettamente d’accordo con voi è giusto che la spiaggia rimanga libera per tutti e che offra uno spunto lavorativo ai tanti giovani che non hanno un lavoro. Io abitando in zona frequento una spiaggia libera attrezzata, anche se non capisco bene questa definizione, in quanto arrivo in spiaggia molto presto per prendere posto a riva visto che ho un bambino piccolo, ma ogni volta arrivo in spiaggia e trovo una fila di lettini già stesi e, quando chiedo spiegazioni mi dicono che sono già occupati da persone che sono in giro a passeggiare quando so per certo che li prenotano telefonicamente.Se è una spiaggia libera non significa che chi primo arriva e meglio alloggia?Penso che un cambiamento sia giusto e doveroso sopratutto per coloro che pretendono di calpestare i diritti altrui.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: