Skip to content

Scandalo ASL, arrivano le prime conseguenze sui malati.

17 dicembre 2010

Presidente Regione Toscana Enrico Rossi

Lo scandalo della Asl di Massa Carrara continua il suo iter, tra fornitori che reclamano i propri averi e l’ex direttore Delvino che chiede il reintegro lavorativo scaricando la colpa solo sui revisori e dicendo che il dissesto finanziario era iniziato già dagli anni precedenti al suo arrivo alla testa dell’azienda. Anche in altre Asl Toscane sembra che qualche coperchio stia per saltare, Pistoia per esempio, ma voci di corridoio profetizzano a breve altre situazioni simili in tutta la Toscana, se così fosse verrebbe da ipotizzare un vero e proprio “sistema” regionale di falsi bilanci delle nostre strutture sanitarie. Se questo venisse confermato, striderebbero ancor di più le dichiarazioni di “non conoscenza dei fatti” del Presidente Enrico Rossi, che è stato assessore alla sanità regionale per ben 10 anni.

Nel frattempo arrivano le prime conseguenze sulle spalle dei cittadini, probabilmente dal 1 Gennaio verranno interrotti gli ambulatori specialistici della ASL prestati dai medici ospedalieri, ad esempio gli ambulatori di cardiologia di Via Bassa Tambura passeranno da 6 a 2 con evidenti allungamenti delle liste di attesa e disservizi per i malati. Ancora una volta  chi paga le tasse  le pagherà due volte, una per ripianare il buco di bilancio dell’ente, l’altra perché subirà un disservizio. Invece l’evasore fiscale subirà in parte solo il disservizio, perché con le somme sottratte allo stato potrà pagarsi le prestazioni private e festeggerà il Natale alla faccia dei contribuenti onesti.

Ultima, ma non per importanza, la voce di una tassa regionale aggiuntiva pro-sanità !!

Chiediamo  che le persone responsabili del dissesto sanitario paghino con i loro patrimoni personali e chiediamo una legge intransigente e severa contro l’evasione delle tasse, corresponsabile del peso fiscale degli onesti.

 

Link

Asl : ex direttore davanti al giudice

Commissariamento Asl, Enrico Rossi in procura

7 commenti leave one →
  1. luca bianchi permalink
    17 dicembre 2010 12:34

    e come sempre paga Pantalone. Ma che faceva delvino mentre il buco si allargava? E che faceva rossi invece di controllare visto che in dieci anni non ha fatto altro che imporre riduzioni sulla presa dei farmaci? Basta è ora che i dirigenti che sbagliano paghino pesantemente. Siamo tutti brav a sbagliarei coi soldi di tutt e senza responsabilità(sempre che di incapacità si tratti..).

    Mi piace

  2. 17 dicembre 2010 12:45

    Una mia recente esperienza: richiesta di visita specialistica urgente al CUP ospedale Versilia: prima data utile dopo circa 4 mesi!!! Richiesta visita c/o lo stesso ospedale in regime di intramenia: data utile il giorno dopo al costo di 130 € !!!!
    Un mio conoscente , a differenza di me, li ha elegantemente mandati affanculo, ha chiamato il CUP dell’ospedale di Gallicano dove gli hanno fatto la visita dopo pochi giorni pagando solo il ticket.
    Inoltre parlando proprio con due del vs meetup ho saputo che esiste una normativa che prevede che in caso di appuntamento oltre 60 gg (non sono sicuro dei gg) la ASL e’ tenuta a rimborsare il costo della prestazione privata…ovviamente se ne sono ben guardati dal dirmelo a Viareggio….

    Mi piace

  3. Giorgio Menicacci permalink
    17 dicembre 2010 13:51

    Faccio osservare che il reato di falso in bilancio e’ stato “derubricato” dal governo Berlusconi quindi e’ molto probabile che nessuno risponda per questa situazione.A ciascuno le proprie conclusioni.

    Mi piace

  4. luca bianchi permalink
    17 dicembre 2010 15:53

    come dire che il nano fa comodo a tanti……facce (di m..) diverse stessa medaglia (sempre di …)non esiste il meno peggio tra quelli in parlamento!

    Mi piace

  5. Marco Di Gennaro permalink
    17 dicembre 2010 17:10

    Parlando con un mio amico:
    a Carrara hanno smesso di fare gli esami in sedazione perchè gli anestesisti costano troppo quindi colonscopia e gastroscopia vengono eseguite tutte normalmente allungando così le liste d’attesa. Fanno solo l’anestesia parziale perchè non richiede la presenza dell’anestesista (non fanno più quella totale). Notare che Carrara era l’unico presidio ospedaliero che ancora praticava la totale (già eliminata da tempo negli altri ospedali dell’Asl1).
    La vedo molto triste la situazione.

    Mi piace

  6. Carlo permalink
    17 dicembre 2010 17:13

    In Italia ci provano tutti a non pagare le tasse e la colpa è anche di chi guarda e non fa niente !! Adesso basta, da ora in avanti chiederò la ricevuta a tutti, anche per un pacchetto di chewingum. Mia madre per una risonanza ha dovuto aspettare mesi. In Toscana governano gli stessi partiti da sempre, bisogna rimboccarsi le maniche e spedirli tutti a casa. Compresi quelli di finta opposizione, non vi illudete Finiani, Casiniani, Berlusconiani etc etc. a lavorare nei campi anche voi !

    Mi piace

  7. Marco Di Gennaro permalink
    20 dicembre 2010 08:27

    http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2010/12/19/news/operazioni-bloccate-3003428

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: