Skip to content

Raccolta differenziata, Regione e Comune sembrano non volerla.

1 dicembre 2010

Giunti a metà del terzo mandato Pucci ancora tarda a partire l’estensione su tutto il territorio comunale della raccolta differenziata “porta a porta”. Essa ci consentirebbe immediatamente di raggiungerne gli obiettivi minimi imposti dalla legge, evitando così consistenti sanzioni economiche (ecotassa) per il Comune e quindi per i cittadini.

La gestione dei rifiuti senza adeguati interventi strategici, così com’è ora, rappresenta la voce di spesa più alta per il bilancio comunale ed è destinata prima o poi a far lievitare la TARSU.

Malgrado il continuo dibattito sul tema assistiamo ad un generale immobilismo decisionale da parte della politica che sta mettendo in evidenza come le scelte più ovvie, che vanno a favore dei cittadini, trovino ostacoli insormontabili nella politica stessa.

Il MoVimento 5 Stelle si domanda se questi ostacoli derivino da una incongruenza con gli obiettivi manifestati in campagna elettorale alle ultime regionali dal governatore Enrico Rossi che ha palesemente dichiarato la volontà di  costruire nuovi inceneritori.

Come si concilia questa volontà con l’aumento della Raccolta Differenziata imposto dalla regione stessa? Ricordiamo che se ben fatta la Raccolta Differenziata renderebbe inutile la costruzione di nuovi inceneritori a causa dell’assenza di materia prima (rifuti) da bruciare.

E’ lecito quindi immaginare una forte sudditanza della politica locale nei confronti degli interessi di pochi, protetti dalla Regione.

Il Prof David Kriebel commenta così il più recente studio epidemiologico  sugli inceneritori: “Lo studio.. suscita serie preoccupazioni in relazione ai rischi per la salute dovuti alle emissioni di impianti urbani di incenerimento dei rifiuti. Questo dato, combinato con l’evidenza di altri effetti negativi di questa tecnologia, dovrebbe essere di per sé determinante nella scelta della gestione dei rifiuti. Infatti, oltre ad essere molto pericolosi per la salute, tali impianti infatti:
1) provocano la produzione di ceneri pesanti e scorie tossiche comunque da smaltire
2) contribuiscono al riscaldamento globale
3) impediscono la riduzione dei rifiuti e il riciclaggio, poiché una volta che questi impianti costosissimi sono stati costruiti , i gestori vogliono avere garantita una sorgente continua di rifiuti per alimentarli
“.

Questo è un comunicato stampa inviato a giornali, radio e televisioni locali.


Massa e Montignoso

Annunci
2 commenti leave one →
  1. luca bianchi permalink
    1 dicembre 2010 19:00

    Già sarebbe interessante sapere qual’è la reale politica della giunta perchè, anche se siamo ormai abituati alla logica del “tenere il piede in due scarpe”, inceneritori e raccolta differenziata “porta a porta” sono due cose in netto contrasto: se si fà una non si può fare l’altra! E soprattutto una (il porta a porta )conduce a vantaggi notevoli (economici e ambientali)gli inceneritori solo ed unicamente problemi e danni e questo ormai solo i veronesi della situazione non l’hanno capito!(o forse non vogliono capire)….Mi piacerebbe che la giunta rispondesse a questo comunicato con un atto di sincerità e non con le solite supercazzole che non hanno significato!

    Mi piace

  2. gian marco permalink
    2 dicembre 2010 12:10

    come direbbe ….qualcuno…..rimango a bocca aperta di fronte a certe cose…..l’articolo di oggi sul tirreno parla di fatture strane al cermec….ci sia di mezzo anche la magia….vuoi vedere che la colpa è del mago zurlì.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: