Skip to content

Il finto giallo dei rimborsi elettorali.

27 luglio 2010

Disinformazione a mezzo stampa: il finto giallo dei rimborsi elettorali continua

Questa mattina mi capita fra le mani Il Giornale e vedo una foto di Beppe Grillo in prima pagina.

Leggo e scopro che Beppe vuole i rimborsi elettorali! Confesso di esserci rimasto male…

Poi leggo meglio e scopro che siamo proprio NOI dell’Emilia-Romagna a volerli! Ci sono rimasto malissimo…

Poi leggo meglio e capisco. E’ il solito articolo confezionato con agenzie di stampa (vecchie di quattro giorni fa, tanto da chiedersi se sia un quotidiano o un settimanale) e ricco di illazioni e informazioni parziali.

Sono quegli articoli che non fanno altro che confermarci che il V-day 2 di qualche anno fa non fu mal speso… Sulla professionalità di certi giornalisti e sulla credibilità di queste testate meglio sorvolare… Evidentemente il caso-Boffo non ha insegnato nulla al Direttore Feltri e a Il Giornale.

Mi sono sentito in dovere di fare questa smentita perché non voglio che sul Movimento, e su tutte le persone che credono in questo sogno, venga gettato fango. non staremo fermi a guardare.

Giovanni Favia-Andrea Defranceschi

P.S. di Massa5Stelle : il MoVimento5Stelle ha rifiutato in tutta Italia i rimborsi elettorali, al momento nessun partito ha mai fatto lo stesso, Riflettete !!

Advertisements
2 commenti leave one →
  1. luca bianchi permalink
    27 luglio 2010 17:10

    come sempre l’importante è far sembrare tutti disonesti cosi il grande capo quasi quasi parrebbe onesto! la logica di questi “signori” che si definiscono giornalisti ma sono solo marionette senza dignità è chiara: non potendo controbattere chi fa politica onestamente gli si getta un pò di falsità contro cosi queste falsità magari ripetute nel tempo alla fine per molti finiscono per passare per vere!
    per fortuna c’è ancora la rete che ci consente di scoprire la verità!

    Mi piace

  2. 27 luglio 2010 19:57

    Come avevo già detto nel meetup io ero favorevole al rimborso elettorale, il movimento è composto da persone che in molti casi sono anche disoccupati, la gestione ha bisogno di sostegni economici, inoltre il movimento per farsi conoscere ha bisogno di pubblicità generica e solo internet è un po poco. Dicevo poi con quel 1.700.000 euro il movimento 5 stelle poteva farci anche opere sociali come Favia ha detto nel video. Epilogo, quei soldi lasciarli in pancia allo Stato non so se è stata una mossa giusta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: