Vai al contenuto

Nomine scrutatori: continua la “Battaglia” del Movimento 5 Stelle Massa

19 marzo 2014

Dopo quanto accaduto nell’ultima seduta di Consiglio Comunale dell’11 Marzo il Movimento 5 Stelle Massa è ancor più determinato nel proseguire la propria “battaglia”, dato che si è visto respingere da tutti i componenti del Consiglio presenti in aula la proposta di istituire un Regolamento Comunale che sancisca precisi criteri per la scelta degli scrutatori.

Come è stato annunciato stamattina in conferenza stampa dagli stessi consiglieri comunali, il Movimento, sempre più convinto dell’importanza di tali principi, ha presentato in Comune, un nuovo documento con la richiesta di mettere all’ordine del giorno, nella prima seduta di Commissione utile, il medesimo argomento.

Allo stesso modo, rivolgendo l’attenzione all’intera cittadinanza, è stata annunciata l’istituzione di una petizione a sostegno dei criteri di equità e giustizia sociale per la scelta degli scrutatori.

Per avere maggior riferimenti e per completare meglio il campo d’indagine, si è voluto inoltre andare a verificare quante persone fossero iscritte all’Albo degli scrutatori; il risultato è stato non poco sorprendente: gli iscritti sarebbero 5.290, dato non poco rilevante  considerato il numero totale della popolazione massese. Ancor più sorprendente è  stato “scoprire”, o meglio capire, in che modo sia possibile che la nomina di circa 320 scrutatori di seggio, ricada, come infelice consuetudine, sugli stessi “volti noti”.

Prendendo spunto da tali considerazioni si è ritenuto opportuno affiancare alla raccolta firme, una “raccolta iscrizioni”, in modo da poter indirizzare ed aiutare chi fosse interessato a presentare domanda in Comune per entrare a far parte dell’Albo degli scrutatori, sperando nel frattempo che vengano prese in considerazioni le nostre proposte.

Chiunque fosse interessato a sostenere tale causa, avrà l’occasione di apporre la propria firma durante i banchetti settimanali del Movimento altrimenti presentandosi direttamente allo Sportello al Cittadino, presso la sede del Movimento 5 Stelle Massa, Galleria Raffaello Sanzio, aperto tutti i pomeriggi dalle 18:00 alle 20:00.

#maipiùnominati #firmaperilsorteggio

Scrutatori: cosa è veramente successo in Consiglio Comunale

13 marzo 2014
12873018805_e60a3f792c_z

Nello scorso Consiglio Comunale c’è stata la gara di arrampicatura sugli specchi. Tutto il Consiglio ha respinto la nostra proposta di privilegiare, nella scelta per gli scrutatori, disoccupati, studenti non lavoratori e pensionati al minimo INPS.

Inizialmente per bocca del consigliere di Rifondazione Comunista ci sono stati rimproverati un elevato grado di dettaglio ed alcune imprecisioni tecniche.

Abbiamo chiesto una pausa per trovare, in accordo con tutto il Consiglio, una sintesi condivisa.

Durante la discussione l’unica richiesta pervenutaci è stata quella di ritirare l’Ordine del Giorno e di portarlo in Commissione Statuto dato, appunto, l’elevato grado di tecnicismo.

Abbiamo allora giocato l’ultima carta: eliminare la parte tecnica e lasciare semplicemente gli indirizzi per la Commissione Statuto (incaricata di redigere il Regolamento Comunale). Ovvero il Consiglio Comunale impegna la Commissione Statuto ad inserire nel regolamento per la nomina degli scrutatori tre principi: rotazione (non più di due volte consecutive si può ricoprire la carica), non più di un componente per nucleo familiare e priorità a categorie disagiate.

Ma anche questo non è servito a convincere il Consiglio Comunale.

La domanda spontanea è: perché?

Perché partiti di sinistra non accettano un provvedimento del genere?

La risposta che ci siamo dati è molto semplice. Questi partiti sono al governo perché fanno leva su un consenso, radicato nel territorio, fatto di piccoli grandi favori.

In un momento del genere poter garantire a circa 300 persone una cifra di circa 150 euro, per due giorni di lavoro, in maniera legale, è una sacca di consenso troppo ghiotta per potervi rinunciare. Avere una persona fidata nel seggio significa, inoltre, avere due occhi che vigilano sulle preferenze che ti tengono in consiglio.

Sarebbe stato inverosimile che i partiti rinunciassero ad un privilegio tale in favore della collettività.

Nella gara di arrampicata sugli specchi vorremmo però dare un premio speciale a SEL e a Forza Italia (votano molto spesso in maniera uguale, sì, vi riveliamo questa cosa).
Nell’ordine le loro motivazioni per respingere tale atto sono state: bisogna garantire il primato della politica e non dobbiamo mettere persone non capaci ai seggi, la democrazia è troppo importante per essere affidata ad inesperti.

Noi rispondiamo che la democrazia è troppo importante per essere affidata alle mani, anche troppo esperte, di consiglieri che guardano solo al loro orticello.

Nel frattempo, fuori, la città continua ad urlare sdegno e rabbia.

 

ordine del giorno emendato

Immagine di G.Frilli

 

Proposta M5S Massa sugli scrutatori di seggio: basta nomine lottizzate

5 marzo 2014

1795901082_8eb63bf9ceIl Movimento 5 Stelle Massa ha presentato ieri un documento, da inserire all’interno dell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale, al fine di sancire i criteri di scelta per la nomina all’ufficio di scrutatore di seggio.

L’iniziativa nasce come risposta ad una prassi utilizzata dal 2006 ad oggi che vede i componenti della Commissione Elettorale Comunale scegliere nominativamente gli scrutatori tra coloro che sono iscritti all’Albo, proprio per l’assenza di criteri normativi stabiliti.

Il Movimento 5 stelle Massa propone di andare a disciplinare tale scelta attraverso l’introduzione di un Regolamento Comunale che segua dieci indirizzi basati su principi di equità e attenzione alle fasce più deboli della società.

In sintesi viene proposto che non venga nominato più di uno scrutatore per nucleo familiare;

che venga rispettato un principio di rotazione, ovvero che la stessa persona non possa ricoprire la carica di scrutatore di seggio per più di due tornate elettorali consecutive. Inoltre che venga garantita la priorità nella nomina alla carica e che vengano direttamente nominati (per chiamata diretta), coloro i quali si trovino nella condizione di disoccupazione o di inoccupazione, ancora gli studenti non lavoratori e coloro i quali certifichino di essere fruitori di “trattamento pensionistico sociale minimo INPS“.

Viene precisato inoltre l’obbligo di astensione: “Non possono proporre o ratificare nomine di scrutatori per le elezioni i componenti della Commissione Elettorale Comunale che partecipano, in qualità di candidati o delegati di lista, alla medesima competizione elettorale”.

Per concludere è previsto il principio di responsabilità, coloro i quali nel passato hanno rinunciato almeno due volte a tale ufficio o non si sono presentati almeno due volte ai seggi per svolgerlo, non potranno più essere nominati come scrutatori.

Qui il testo dell’Atto proposto

Foto di Tanoka

M5S sui sentieri della distruzione

4 marzo 2014

image2Foto di C. Cuffaro

Domenica 2 Marzo 2014, terza giornata “Sui sentieri della Distruzione”. Oltre 200 persone si sono ritrovate nella spianata di Campocecina per portare l’attenzione sui numerosi e imponenti scempi che si stanno compiendo sulle Apuane. Particolarmente visibile ciò che sta accadendo nel bacino di Torano e alle pendici del Monte Sagro.  Anche stavolta il M5S era presenta con diverse delegazioni di attivisti. Particolarmente, e felicemente, folta la delegazione del M5S massese (e -ci tocca dirlo- pure quella dei cugini carraresi). Ci ha salutati anche una intensa tormenta di neve, per la gioia dei molti bambini e degli animali presenti. Un po’ meno per chi è giunto a Campocecina dai sentieri più lontani
Questa terza giornata – promossa da Associazione Amici delle Alpi Apuane, Salviamo le Alpi Apuane, No! al traforo della Tambura, Ferma la distruzione delle Alpi Apuane, Salviamo le Apuane , Gruppo Indipiendentes Apuanos, Amici della Terra Versilia , WWF Lucca – rinnova il nostro impegno sulla questione ambientale e dei Beni Comuni. Impegno che prosegue nella nostra quotidiana attività istituzionale e il 29 marzo con una nuova giornata di lavoro del “tavolo del Marmo M5S”.

La vignetta di #Fruzzetti

2 marzo 2014

Clamorosa vittoria M5S in Consiglio! Il gettone di presenza solo dopo 90 minuti

27 febbraio 2014

11283882664_383afedb5d_zOggi in Consiglio Comunale è stata approvata la nostra mozione che introduce l’obbligo di firma di entrata ed uscita dei consiglieri nelle Commissioni.

Inoltre, a completamento, la mozione prevede il non pagamento del gettone se la presenza è inferiore ai 90 minuti, con calcolo sulla durata della commissione stessa.

Una bella vittoria, un buon risparmio per il Comune e un meccanismo di dissuasione verso chi finora si garantiva una retribuzione certa con fugaci apparizioni.

#oravitoccanoalmeno90minuti

Passate parola!

Mozione modulo presenze consiglieri

Patto della notte con chi? #rivotateli

26 febbraio 2014

Ci aspettavamo l’ennesimo provvedimento inutile e demagogico di questa Giunta, invece il “Patto della Notte” è anche dannoso: ci sarà propinato da uno stato facebook del Sindaco come grande sinergia di partecipazione e con altre mille parole al vento. In realtà è un “copia incolla” di articoli di legge già esistenti che andrebbero solo fatti rispettare. Ma questa è la parte inutile. La parte dannosa (ai limiti di una città militarizzata) è il concetto che ogni locale debba dotarsi, a proprie spese, di una guardia giurata.

Il Movimento 5 Stelle Massa si opporrà con ogni mezzo a questo provvedimento per diversi motivi: non si può delegare la sicurezza dei cittadini ad una compagnia privata, sancendo la resa definitiva del Comune e dello Stato; l’affidarsi al privato nella gestione dei servizi e beni essenziali, come l’acqua, il trasporto, la sanità, la scuola, i rifiuti, per arrivare alla spiaggia e al marmo, ed appunto la sicurezza, è un concetto su cui, queste pseudo forze di sinistra, basano la loro azione politica, a tutti i livelli, comunale, regionale e nazionale; in un periodo come questo, i gestori dei locali non possono certo permettersi di pagare ogni sera, dalle 23 a chiusura, una guardia giurata; pensare che la bellezza e la vivibilità di un centro storico passi da un esercito di guardie giurate, con pettorine e radiomicrofoni, sparse per la città, ci lascia fortemente perplessi.

Ci risponderanno che la sottoscrizione del Patto è volontaria. Quindi è un provvedimento solamente inutile che probabilmente non firmerà nessuno? No, perché verranno concesse delle deroghe e delle premialità per coloro che lo sottoscriveranno, ovvero, se firmi, quando terrai il volume della musica alta o ti allargherai un po’ con il tuo spazio a disposizione sul suolo pubblico, potremo concederti una deroga. Se non firmi, magari perché non puoi permetterti la guardia giurata tutte le sere, non te ne passeremo una.

Una volta i sovrani emanavano leggi che dovevi accettare in silenzio; oggi, con i monarchi sinceramente democratici, i sudditi devono anche far finta di sottoscrivere le regole che li affossano.

Il Centro Storico ha bisogno di una regolamentazione vera, globale e partecipata, che vada da un Piano del Commercio, ad un Piano del Decoro, una raccolta porta a porta, un Piano serio di Z.T.L. e molte altre cose, non di documenti carta straccia. Invitiamo poi la nostra Giunta a fare un giro nelle periferie di questa città, da Romagnano ai Poggi, e capire che forse è lì che si deve intervenire con urgenza in termini di lotta al degrado: anche lì ci sono dei residenti che, ogni giorno, convivono con problemi di sicurezza. Sono forse cittadini di serie B? Dopo l’assurda ordinanza, emanata dopo la tragedia di Natale, ci aspettavamo serie e concrete risposte. Invece accade esattamente il contrario.

Gruppo Consiliare M5S Massa

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 3.466 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: